Friday 30 april 2010 5 30 /04 /Apr /2010 10:52

 

Dopo la latenza invernale i serpenti escono dai loro rifugi per esporsi ai primi tiepidi raggi di sole per termoregolarsi. I maschi sono i primi ad esporsi, generalmente seguiti, dopo qualche giorno, dalle femmine.

 

nat2

Natrix in amore. 

 

I maschi sessualmente maturi, una volta raggiunta una temperatura corporea sufficientemente alta, si mettono freneticamente alla ricerca di una femmina con cui accoppiarsi.

 accoppiamento 0173 copia

Accoppiamento di Python regius.

 

 

Le femmine feconde sprigionano un feromone, con cui comunicano il loro stato ricettivo, che attira spesso molti maschi nei loro paraggi.

 

accoppiamento 3233 copia

Una femmina di Natrix natrix alle prese con tre maschi

 

 

Non è raro osservare in prossimità di una femmina numerosi maschi, e non è nemmeno raro osservare una femmina alle prese con più pretendenti. Le Natrix, per fare un esempio, sono famose per “fare dei grovigli di serpenti”, in cui una o più femmine sono letteralmente contorniate da decine di maschi.

 

nat3

 La medesima femmina di Natrix coi suoi tre pretendenti.

 

In alcune specie di serpenti, come ad esempio le vipere e i biacchi, può capitare che quando due maschi in calore si incontrano, ritualizzano un combattimento in cui ognuno cercano di placare il rivale al suolo, attorcigliandosi tra di loro e sollevando il capo. Questi combattimenti sono puramente dimostrativi e i serpenti non si morsicano tra di loro. Curiosamente il vincitore non guadagna un diritto indiscusso all’accoppiamento; é già stato osservato numerose volte che il perdente si accoppia prima del vincitore.

 

accoppiamento 0715 copia

 Cryptelytrops albolabris, il maschio corteggia la femmina.

  

Quando un maschio incontra una femmina la “corteggia” strisciando di fianco e su di lei, colpendola con dei piccoli colpi di testa e colpettini ripetuti di lingua. Mentre accarezza la femmina in quel modo, il maschio cerca di posizionare la sua cloaca in corrispondenza a quella della femmina per poterla penetrare.

accoppiamento 0722 copia

Il maschio di Cryptelytrops albolabris cerca di posizionare la sua cloaca in corrispondenza a quella della femmina.

 

I serpenti sono provvisti di due peni (o emipeni), che a riposo sono ben custoditi nella coda. Al momento dell’accoppiamento il maschio decide quale emipene usare, probabilmente questa decisione è influenzata da quale dei due membri è più vicino alla cloaca della femmina.

 

tae copia

Accoppiamento di Orthriophis taeniurus, si vede l'emipene gonfio nella cloaca della femmina.

 

L’emipene dei serpenti è provvisto di piccole “spine” che gli permettono di ancorarsi nella cloaca della femmina, e questo per far fronte all’assenza di arti con cui aggrapparsi alla compagna.

 

accoppiamento 3220 copia

Maschi di Natrix natrix che attorgihliano la loro coda a quella della femmina per mettere in contatto le cloache. 

 

 Può capitare che durante l’accoppiamento la femmina decide di spostarsi, e in quel caso si trascina il maschio, che è obbligato a procedere in retromarcia e di assecondare le manovre della femmina, per evitare di “sganciarsi” o subire dolorose lesioni.

 

accoppiamento 0845 copia

Accoppiamento di Morelia spilota variegata

 

In alcune specie, come ad esempio nella Coronella austriaca, il maschio si tiene alla femmina anche con la mandibola, morsicandole il collo, la testa o il fianco.

L’accoppiamento può durare anche diverse ore e a volte viene ripetuto nei giorni seguenti e con altri partner.

 

Finito il periodo degli amori, femmine e maschi raggiungono le loro zone estive dove si dedicheranno alla caccia, alla deposizione delle uova e allo sviluppo degli embrioni (per le specie ovovivipare).

 

L’osservazione in natura di serpenti che si accoppiano non è sempre molto facile in quanto questi animali sono coscienti della loro vulnerabilità in un momento particolarmente “distrattivo”, per cui spesso gli accoppiamenti si svolgono tra rami, rovi o sotto pietre. A volte, invece, presi dall’eccitazione i serpenti sembrano non curarsi della nostra presenza e circolano distrattamente a pochi metri da noi.

acc.jpg

Queste vipere erano a pochi metri da me, troppo occupate per vedermi 

 

 

Le foto degli accoppiamenti che ho potuto fare in natura non mostrano  molto bene l’avvenimento, per cui ho arricchito l’articolo con accoppiamenti avvenuti nei miei terrari. Anche in terrario comunque non sono riuscito ad ottenere le foto volute, forse a causa di scrupoli personali che mi hanno spinto a non volere disturbare troppo gli attori.

 asp1

Accoppiamento di vipera aspis fotografato in un cespuglio, si possono notare le code dei due partner, e si indovina che sono legati tra loro nella zona della cloaca attraverso l'emipene del maschio, che crea un rigonfiamento nella cloaca della femmina. 

 

 

 

Copyright © Grégoire Meier 2010 . Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Di Grégoire Meier
Scrivi un commento - Vedi 3 commenti
Torna alla home

Presentazione

Contattarmi

Se volete contattarmi, per informazioni o per identificare un serpente che avete osservato, mandatemi pure una mail al seguente indirizzo: 

info@serpenti-del-ticino.com

oppure chiamate o mandate una foto al:

077 425 68 37

Cerca

Immagini a caso

  • Raganella 8763 copia
  • Vipera berus 0062
  • escu
  • Autunno-2011-2663
  • Vipera-aspis-francisciredi_0035.jpg
  • autunno 0441
Crea un blog gratis su over-blog.com - Contatti - C.G.U. - Remunerazione in diritti d'autore - Segnala abusi - Articoli più commentati