Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
16 dicembre 2011 5 16 /12 /dicembre /2011 14:03

 

zuni 0066

 

Nella cultura Zuni il serpente ha una forte presenza ed è raffigurato in molte forme d’arte. Tra le rappresentazioni più interessanti, troviamo i feticci a forma di serpente, intagliati nella pietra (marmo e altre). Queste figure sono scolpite, forate e levigate a mano, spesso presentano degli intarsi in altre pietre o in madreperla.Si pensa che gli Zuni abbiano imparato dai Navajo l’arte della lavorazione delle pietre preziose e semipreziose. I Navajo l’avrebbero acquisita dai primi coloni spagnoli, specializzandosi nella fabbricazione di gioielli.

 

 

 an2

 

an1

Esempio di gioielli Navajo.

 

 

Tra i numerosi feticci Zuni, chiaramente, mi interesso particolarmente quelli a forma di serpente. Ogni forma diversa rappresenta un serpente diverso, dal potere distinto.

 

Il serpente tradizionale è una creatura inquietante ma è considerato un aiuto agli uomini. Il serpente è un cacciatore cha sa muoversi con agilità e velocità e sa passare inosservato. Quando il serpente cambia pelle, simboleggia il cambiamento, la trasformazione. I rituali di guarigione e di fertilità richiedono la presenza di idoli a sembianza di serpente. La sua forma, che ricorda quella di un pene, ne è sicuramente un motivo. Questo serpente rappresenta la potenza sessuale, la vita e la morte.

 

7

 

Il discorso legato alla fertilità e alla guarigione vale pure per i feticci che rappresentano i serpenti a sonaglio. Questi crotali proteggono e portano buona fortuna.

 

4

Serpente a sonaglio, lo si riconosce dalla coda abbastanza esplicita.

 

1

Altro esempio di serpente a sonaglio.

 

I serpenti dalla forma zigzagante, chiamati Avanyu, rappresentano la pioggia e la fertilità delle colture. La sua forma è eloquente, ricorda un fulmine o il serpeggiare di un torrente tortuoso. Il serpente Avanyu è responsabile del cambio delle stagioni e dei cambiamenti in generale, egli benedice l’acqua, porta la pioggia e ripristina le energie.

 

33 3

 

5 66

 

22 

 2

 

Citdola è la versione commerciale che gli Zuni hanno creato in parallelo al Avanyu. Citdola rappresenta il cambiamento attraverso la nascita e la morte. La sua forma a spirale simboleggia la carica energetica. La potenza del morso del serpente ha probabilmente influenzato questa simbologia legata all’energia, inteso come trapasso/scambio energetico tra il serpente e la sua preda. Indossare gioielli con questo serpente fornisce energia.

 

col

 

Come abbiamo potuto vedere in questi feticci a forma di serpente, la pietra che quasi sempre compare è il turchese. Presente in abbondanza, in minimi dettagli o  semplicemente per rappresentare gli occhi, il turchese ha la sua importanza. Gli Hopi credono che il turchese sia l’escremento della lucertola. Per tutti questi popoli, questa pietra è sacra e protegge dai pericoli e dalle malattie contagiose chi lo indossa, rappresenta salute e prosperità.

 

666 zuni 0065

 

11


Oggi degli artisti Zuni lavorano la pietra sempre in un modo artigianale, creando degli idoli dalla forma tradizionale. Questi feticci non hanno la valenza e la carica di quelli usati per i riti, ma vengono comunque trattati bene… una mancanza di rispetto può portare a gravi conseguenze, come ad esempio, all’infertilità.

 

Malgrado questi manufatti abbiano, oggi, uno scopo commerciale e non sacro, sono la continuità di una cultura repressa e praticamente annientata da anni di colonialismo e da terribili campagne sterminative e ghettizzanti.

Gli Zuni, i Navajo,  gli Apache e molti altri popoli continuano a mantenere viva una cultura e delle tradizioni che difficilmente trovano spazio nel mondo moderno che è cresciuto attorno a loro.

Questi oggetti artigianali sono uno dei tanti modi che un popolo ha trovato per poter esprimere la propria cultura, aggiornandola ai tempi moderni per far sì che non cada nell’oblio.


 

zuni 0071

 

 

 

 

Copyright © Grégoire Meier 2011 . Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Condividi post

Repost0
7 dicembre 2011 3 07 /12 /dicembre /2011 15:12

Tempo fa avevo scritto un articolo in cui dedicavo alcune righe alla tradizione che unisce gli Hopi ai serpenti. Con i prossimi due articoli resto nel medesimo continente presentandovi gli Zuni e i loro feticci a forma di serpente.

Prima di vedere i feticci a forma di serpente (prossimo articolo) introduco brevemente gli Zuni e alcuni popoli limitrofi, con cui condividono alcune credenze.


4

 


Gli Zuni, popolo di Nativi Americani, vivono tutt’oggi nel Nuovo Messico, a confine con l’Arizona, territorio che li ospita da oltre 700 anni. Gli Zuni discendono dal popolo preistorico conosciuto come Anasazi, e malgrado abbiano da sempre subito gli attacchi da parte di Navajo e Apache, condividono con loro e gli Hopi varie tradizioni.

Tra le tradizioni e gli oggetti che accomunano questi popoli troviamo i Kachina, termine Hopi che ha molti significati ma che possiamo riassumere semplicemente col termine di sacro.

 

3


I Kachina sono gli spiriti sacri della terra, del cielo, dell’acqua, del grano, degli animali, sono divinità e antenati. Secondo gli Hopi, questi spiriti vivevano in mezzo al popolo. Visto che il popolo li ignorava, gli spiriti decisero di rifugiarsi nelle montagne (come ad esempio San Francisco Peaks) ma non prima di aver insegnato al popolo le danze sacre e la gioia di ballare.

Per le danze sacre i ballerini indossano maschere per poter impersonificare al meglio il Kachina che incarnano e poter così fungere da intermediario tra gli spiriti Kachina e il popolo.

 

2


Gli Hopi e gli Zuni hanno poi scolpito delle bambole Kachina, cercando di rappresentarle nel modo più fedele possibile al danzatore Kachina. Queste bambole vengono date ai bambini per poter insegnare loro come riconoscere i vari spiriti Kachina, la loro storia e il loro significato religioso.

 

1

 


Tra gli Hopi, gli Apache, gli Zuni e i Navajo vi sono dei veri e propri artisti che scolpiscono ancora il pioppo e usano pelli e piume per vestire le bambole Kachina. Queste bambole artigianali non hanno più nessuna valenza religiosa ed hanno perso il loro scopo primario, quello di voler trasmettere ai bambini la loro cultura, ma forse mantengono la loro carica educativa nei nostri confronti, mostrandoci costumi tradizionali ed avvicinandoci ad una cultura rispettosa della natura.

 

 

Il Kachina che illustra questo articolo é stato fatto da un artigiano Navajo.

 

12


Probabilmente questo Kachina che danza con un serpente a sonagli é frutto della tradizione Hopi. Osservate l'immagine sopra in cui si vede bene il crotalo, stilizzatissimo ma comunque espressivo e molto eloquente: testa potente e sonaglio.

 

kachina 3235

 

Copyright © Grégoire Meier 2011 . Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Condividi post

Repost0
25 ottobre 2011 2 25 /10 /ottobre /2011 14:05

Un settembre caldo ha permesso ai rettili di sfruttare bene gli ultimi periodi di sole. Le femmine che hanno messo al mondo i cuccioli in quel mese o nel mese precedenti, hanno avuto l’opportunità di fare ancora un pasto prima di doversi riparare per l’inverno, fattore che ne aumenta le probabilità di sopravvivenza.

Pure alcuni serpenti nuovi nati dell’anno, nascite che avvengono generalmente tra agosto e settembre avranno, avuto il tempo di procacciarsi un primo boccone, o per lo meno di raggiungere una zona riparata e idonea alla latenza invernale.

 

Malgrado siano sicuramente parecchi i serpenti attivi in questi ultimi mesi di energia, molti di loro si fanno comunque discreti, approfittando della copertura vegetale, e sfuggono al nostro sguardo.

 

Gli ultimi mesi di attività coincidono anche, per le vipere, con un secondo periodo degli accoppiamenti, il primo e più importante essendo quello primaverile.

Il seguente filmino (scusate la qualità), realizzato nei miei terrari, mostra un maschio di Vipera aspis atra che cerca di "conquistare" una femmina, stimolandola con ripetuti colpi di lingua e di testa sulla schiena. 

 

 


 

 

 

Vi presento alcune foto delle mie ultime osservazioni.

 

Autunno-2011 3169 copia

Vipera aspis franciosciredi, femmina.

 

Autunno-2011 3140 copia

Questo é maschio.


 

Nei miei giretti ho pure osservato una strana danza, quella del Macaone (Papilio machaon). Speravo di fare foto migliori e più presentabili, ma questa femmina era intenta a deporre le uova, per cui la sua danza era rapida e ogni volta che sembrava posarsi, lasciava un minuscolo uovo sulla pianta di carota selvatica, prima di riprendere il volo.

 

Autunno-2011 0035 copia

 

 

Autunno-2011 0036 copia

 

 

 

cor

Coronella austriaca, nata da pochi giorni.

 

 

melan

Splendido maschio di Vipera aspis atra.

 

 

Autunno-2011 3003

Vipera aspis francisciredi ben mimetizzata.

 

 

Autunno-2011 0027

Famiglia delle blatte?

 

 

Autunno-2011 0030

Areneus diadamatus in predazione.

 

 

Autunno-2011 3056

Altro ragnetto.

 

 

Tra le osservazioni più particolari che ho avuto l'occasione di fare e documentare é quella di una Podarci muralis che preda una Lacerta bilineata (ramarro). Vista la mole di queste lucertole, solitamente saremmo abituati a credere che il ramarro preda la lucertola muraiola, ma quando un'adulto di quest'ultima incontra un cucciolo del ramarro...i ruoli si invertono.

 

Autunno-2011 2259 copia

 

Autunno-2011 2261 copia 2

 

 

Tra i ragni più belli del nostro territorio, di sicuro spicca l'Argiope bruennichi. I suoi colori sono spettacolari, e malgrado sembrino tutti uguali, ognuno é diverso dall'altro. Mi son divertito a fotografane alcuni, e spero di non nausearvi!

 

Autunno-2011 2792

 

Autunno-2011 2800

 

Autunno-2011 2798

 

Autunno-2011 2802

 

Autunno-2011 2964

 

Autunno-2011 2968

 

Autunno-2011 2980

 

Autunno-2011 2970

 

Autunno-2011 3058

 

Autunno-2011 2984

 

Autunno-2011 2982

Coi ragni ho finito... ma son belli!

 

 

 

 

asp

Maschio di Vipera aspis francisciredi.

 

red

 

 

Autunno-2011 3059

Cavalletta femmina che cercava di passare inosservata...

 

 

Autunno-2011 3211 copia

... come pure questa piccola rana!

 

 

 

ber

Vipera berus. Questa femmina aveva partorito da poco, la cosa la si nota dalla piega che presenta sul dorso poco prima della coda.

 

ber5

 

ber2

 

La settimana successiva sono tornato nella zona in cui avevo incontrato questo marasso, e son stato felice di poterlo osservare di nuovo, mentre stava digerendo una preda. Questa cosa é molto positiva in quanto permette alla vipera di riprendere energie prima dell'inverno, e aumentarne le probabilità di sopravvivenza.

 

Autunno-2011 3030


 

 

Autunno-2011 2804

"Colonia" di funghetti.

 

 

Autunno-2011 3207 copia

Ho incrociato pure la strada di questo pettirosso (Erithacus rubecula).

 

 

Autunno-2011 3123 copia

Podarcis muralis nata nel 2011. Da notare che ha già perso un pezzettino di coda, segno che i predatori son parecchi visto che in quella zona ho osservato che oltre la metà delle lucertoline hanno praticato l'autotomia della coda per aver la vita salva.

 

 

 

Concludo con l'ultima vipera che ho osservato mentre si godeva i flebili raggi di sole d'ottobre, filtrati dalle felci.

 

Autunno-2011 3131 copia

 


 

Copyright © Grégoire Meier 2011 . Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Condividi post

Repost0
12 settembre 2011 1 12 /09 /settembre /2011 15:15

 

La fine dell’estate é il momento in cui i serpenti vengono al mondo. Alcuni escono dall’uovo che è stato deposto alcuni mesi prima, mentre altri vengono messi alla luce dalla madre che li ha custoditi in lei.

 

nascite-2011 0056

Femmina di Orthriophis taeniurus frisei che depone le uova. Foto presa nei miei terrari a inizio estate.

 


I Biacchi, le Natrix e i Colubri di Esculapio depongono le uova in mucchi di foglie marcescenti, in letamai, e in altri posti idonei all’incubazione delle uova, mentre le vipere e la Coronella austriaca adottano l’ovoviviparità, cioè incubano le uova (ridotte a sottili membrane) nel loro corpo.

 

nascite-2011 0277

Montivipera xanthina, appena espulsi dal ventre della madre. Da notare che sono ancora avvolti dalla sottile membrana trasparente.

 

Quest’anno nel mio allevamento è nato un serpente un po’ particolare. La mia giovane femmina di Montivipera xanthina ha messo al mondo vari piccoli belli sani e uno che presenta due teste, parzialmente fuse tra di loro. In pratica questo serpentello è il risultato della fusione di due embrioni, li possiamo considerare dei gemelli siamesi. I serpenti bicefali sono rari ma non infrequenti, alcuni di loro vivono da parecchi anni in terrario senza alcuna grossa difficoltà, tranne che per il momento dell’alimentazione in cui bisogna tenere a bada le due teste per evitare che si morsichino tra di loro, in quanto questi serpenti hanno in comune quasi tutti gli organi, ma non il cervello, per cui ogni testa pensa per lei!

In natura non ho idea di che percentuale di sopravvivenza abbiano questi serpenti bicefali, ma in cattività solo un quarto di loro sopravvive ai primi giorni di vita. Il serpentello nato da me è morto poco dopo essere nato.


Le seguenti immagini possono essere un po' impressionanti, ma le trovo comunque interessanti.

 

nascite-2011 0066

Da notare il vitello (credo si chiami in questo modo il tuorlo) ancora molto evidente.

 

nascite-2011 0074

Gli emipeni estroflessi e probabilmente non del tutto sviluppati.

 


nascite-2011 0064 nascite-2011 0065

 

nascite-2011 0070 copia

 

nascite-2011 0069 nascite-2011 0072

 

nascite-2011 0073

In questa foto si possono notare gli occhi, molto vicini, nella zona dove le due teste si congiungono.

 

 

 

Dopo le immagini di questo sfortunato serpete, lascio spazio a qualche foto scattata ad alcuni animali nati quest'anno nel mio allevamento.

 

 

Montivipera xanthina, originarie dalla Turchia.

nascite-2011 0005 copia

 

 

 

 

Sulle seguenti foto alcuni Colubri di Esculapio che si affacciano, timorosi, al mondo.

 

1

 

nascite-2011 0067 copia

 

nascite-2011 0073 copia

 

nascite-2011 0072 copia

 

 

 

Montivipera raddei, originarie dalle zone della Turchia a confine con l'Armenia.

nascite-2011 0062 copia 2

 

 

 

 

Concludo con la foto di questo Morelia spilota variegata, pitone australiano, che racchiude, nel suo vispo sguardo, un non so che di atavico!

 

nascite-2011 0111 copia 2

 

 

 

 

 

Copyright © Grégoire Meier 2011 . Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Condividi post

Repost0
4 agosto 2011 4 04 /08 /agosto /2011 08:12

Durante le ultime due settimane di luglio ho avuto tempo da dedicare all’osservazione dei serpenti nel loro habitat.

Per l’occasione mi sono trovato con diversi amici, che ringrazio per i bei momenti passati assieme e le numerose osservazioni. Ve li presento rapidamente:

 

melo

Melo Batti (Sicilia), appassionatissimo di biacchi.



 

luglio-2011 0539

Antonino Marcianò (Calabria) conoscitore della Vipera aspis hugyi.


 

pat

Patrick Scimè (Ticino), il nostro esperto di anfibi.


 

luglio-2011 0083

Matteo Di Nicola & Asava Castronuovo (Milano), fotografi.

 

 

luglio-2011 0028

Non ho più bisogno di presentarlo... Yves Brunelli.


 

Ora possiamo passare all'altra fauna... un po' più fotogenica e interessante!

 


La prima giornata l'abbiamo dedicata ad una zona ticinese dove vive la Vipera aspis francisciredi.

 

luglio-2011 9751

Grossa femmina.

 

 

luglio-2011 9815 01

Maschio, opaco a causa della muta prossima.


 

luglio-2011 9824 01

Due, o forse tre vipere mimetizzate.


 

luglio-2011 9702 01

Questa femmina la conosco da qualche anno. La prima volta che l'ho vista era bella sana, la seconda presentava evidenti segni di bastonate e temevo che non passasse l'inverno. Con mia gioia ho potuto vedere che oggi le sue ferite si sono rimarginate e che a fine estate metterà alla luce dei viperotti!!

 


 

luglio-2011 9670 copia

Ritratto di un'altra femmina.

 

 

luglio-2011 9833 01 copia

Non lontano dalle vipere si possono ammirare delle orchidee.


 

 

 

Il giorno successivo andiamo nel Sopra Ceneri a scovare qualche Vipera aspis atra. Il grande caldo o chissà quale altro fattore ce ne fanno osservare solo due.

 

luglio-2011 9840

Femmina gravida.

 

luglio-2011 9877

Maschio.

 

 

Melo si é un po' annoiato delle vipere, per cui decidiamo di cercare qualche colubro.

 

luglio-2011 9951 copia

Hierophis viridiflavus.

 

 

luglio-2011 0003

Natrix tessellata, prossima alla muta.

 

luglio-2011 9922

Iphiclides podalirius.


 

Il giorno dopo varchiamo le Alpi per fare qualche ricerca in una valle dell'Oberland Bernese, dove a poche centinaia di metri di distanza si possono trovare la Vipera aspis e la Vipera berus.

 

 

ghia

 

 

 

luglio-2011 0019

Vipera berus maschio.


luglio-2011 0062

Osservandolo attentamente Nino ci fa notare che questo individuo ha gli occhi di un colore diverso.


 

Poi troviamo alcune femmine:

luglio-2011 0239

 

luglio-2011 0308

 

luglio-2011 0367

 

 

 

luglio-2011 0084

Salamandra atra, nata da poco.


 

luglio-2011 0326

Zootoca vivipara


 

luglio-2011 0463

Maschio melanico di Vipera aspis atra.

 

luglio-2011 0479 copia

Questi serpenti dalla livrea nera sono talmente affascinanti che non ci si stanca mai di fotografarli.


 

luglio-2011 0558

Nella medesima popolazione della vipera precedente vi sono anche individui dalla livrea più comune.


 

luglio-2011 0694

Altro grosso maschio di Vipera aspis atra, prossimo alla muta.


 

luglio-2011 0119

Coronella austriaca.


 

luglio-2011 0807

Anguis fragilis, l'orbettino.


 

 

luglio-2011 0796

Salamandra atra, infastidita dalla nostra presenza, secerne una sostanza irritante da apposite ghiandole.


 

Un paio d'ore prima che Melo torni a casa decidiamo di dare un occhiata in riva al Lago di Lugano dove osserviamo diverse Natrix tessellata.


luglio-2011 9959

 

Con grande entusiasmo Melo riesce a trovare una Natrix tessellata melanotica. Questa livrea, secondo molti testi, in Ticino é presente quasi esclusivamente sulle rive del Ceresio. Una vera bellezza!


 

luglio-2011 0059

 

luglio-2011 0093

Dettaglio della gola che presenta delle macchiette gialle e panna, un contrasto notevole col resto della livrea nera.


 

 

Per concludere le osservazioni di luglio ecco alcuni scatti di Vipera aspis atra della Leventina.

 

luglio-2011 1104

Femmina.

 

luglio-2011 1600

Splendido maschio.

 

luglio-2011 1128

Buon mimetismo.

 

luglio-2011 1236

Bella femmina dai disegni ben marcati.


 

 

 

Copyright © Grégoire Meier 2011 . Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Condividi post

Repost0

Presentazione

  • : Serpenti del Ticino
  • : Punto di incontro per gli amanti dei serpenti o solo per chi è curioso di conoscerli.
  • Contatti

Contattarmi

Se volete contattarmi, per informazioni o per identificare un serpente che avete osservato, mandatemi pure una mail al seguente indirizzo: 

aspisatra@yahoo.it

oppure chiamate o mandate una foto via whatsapp al:

077 425 68 37

(+41, se scrivete da fuori Svizzera)

Cerca