Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
10 luglio 2013 3 10 /07 /luglio /2013 14:44

Dopo un primo incontro fugace con una Vipera ammodytes nel 2011 e un paio di ricerche andate a vuoto, nella Provincia di Bolzano, negli anni scorsi, finalmente nelle scorse settimane ho potuto osservare diverse di queste vipere dal corno nel loro habitat naturale.

La roccia calcarea della regione del Friuli ha probabilmente portato ad una selezione naturale che ha favorito la sopravvivenza degli esemplari che presentano una livrea dai toni chiari.

 

Friuli-giugno-2013-0014


In una regione del Friuli sono anche presenti, in una certa percentuale, esemplari dalla livrea rossicio-marrone, probabilmente una livrea « vincente » in individui che vivono tra le foglie secche, o che comunque vengono scambiate per foglie secche e rami in mezzo ai sassi chiari. Generalmente i maschi hanno un’ornamentazione scura che zigzaga lungo la schiena e che contrasta tantissimo col resto del corpo chiarissimo. Tanto assurdo può sembrare questo contrasto, tanto é efficace ! Il chiaro riprende la pietra e lo scuro le ombre presenti nelle sassaie.

 

Friuli-giugno-2013 0059 copia

Esemplare marrone-rossiccio nascosto sotto ad un sasso.



In questo viaggio ho avuto modo di fotografare unicamente delle femmine, il che mi da lo stimolo di immaginare un prossimo viaggio per scovare qualche maschio!

In Friuli é presente la sottospecie nominale, Vipera ammodytes ammodytes. Nella zona di Bolzano é presente una sottospecie, oggi non più ritenuta valida in seguito alle analisi genetiche, che fino a poco fa era chiamata Vipera ammodytes ruffoi. Probabilmente la genetica in questo caso non mente, l’isolamento geografico non ha dato nascita ad una sottospecie, e la livrea é una semplice specializzazione (o selezione), simile a quella riscontrata in Friuli. Resta comunque, tra i veri appassionati di vipere che non siano troppo chiusi nella limitata porzione di genetica capita fino ad oggi, una cosa carina e usuale continuare a chiamare ruffoi le ammodytes di Bolzano. Un po’ di sentimentalismo e affetto in questo mondo che é diventato molto « mitocondrializzato», a mio avviso non guasta. Alla fin fine, la classificazione delle specie é un concetto speculativo umano e non una certezza naturale.

 

Scusate la parentesi, e torniamo alle nostre cornute del Friuli.

Alcune zona dove vivono le Vipera ammodytes sono comunicanti con gli habitat della Vipera aspis, per cui fenomeni di ibridazione tra le due specie sono possibili, come lo sono stati osservati anche in altre zone in cui le due vipere vivono fianco a fianco.

Chiaramente questo fenomeno di ibridazione naturale mi interessa molto in quanto lo ricollego al ritrovamento che faci alcuni anni or sono. Eccezionale ritrovamento: ibrido Vipera aspis/ammodytes

Certo che l’ibridazione tra le specie porta sempre a relativizzare le certezze che si hanno solitamente con la genetica, che afferma che spesso l’ibrido interspecifico é sterile, mentre sono stati osservati degli ibridi ammodytes X aspis gestanti, la cui prole ha generato discendenza.

Chiaro, il rettile é anche piuttosto primitivo e la natura ci ha sempre mostrato mille eccezioni e strategie per sormontare, o meglio spostare, le barriere considerate irremovibili.

 

Mi scuso per le divagazioni…due nello stesso articoletto… e lascio spazio alle immagini di queste splendide Vipera ammodytes e altri incontri avuti nei loro habitat.

 

Friuli-giugno-2013 8016 copia

Femmina in muta.

 

Friuli-giugno-2013 8290 copia

Dettaglio dell'occhio "lattiginoso" tipico degli individui in muta.


 

Friuli-giugno-2013 9138

Poco distante un'individuo si stava sfilando dalla vecchia pelle.


 

Friuli-giugno-2013 7501 copia 

Un maschio di Orbettino trovato nel medesimo habitat delle vipere.



 

Friuli-giugno-2013 9573 copia

Altra femmina di Vipera ammodytes ammodytes in muta.

 

Friuli-giugno-2013-0027-copia

 


 

Friuli-giugno-2013 7422

La foto non rende, ma in una zona del Friuli é stato reintrodotto con successo il Grifone (Gyps fulvus), per cui abbiamo fatto una scappata in quella zona per vederlo. Come detto, la foto non rende l'idea di avere sopra la testa questi grossi rapaci.


 

 

Friuli-giugno-2013 9426 copia

Coronella austriaca.

Friuli-giugno-2013 9396 copia

Anche in questo caso l'esemplare osservato é nel periodo di muta.


 

Friuli-giugno-2013 8786 copia

Vipera ammodytes, lunga meno di 20 cm, probabilmente nata nell'autunno del 2012.

 

 

Friuli-giugno-2013 9632 copia

Dettaglio del "corno" che da il nome popolare alla specie.

 

 

Friuli-giugno-2013 9144 copia

Splendida femmina. Va notata la coda che presenta la tipica colorazione arancione. Si pensa che possa essere usata come "esca", muovendola per attirare la preda. Comportamento che ho potuto osservare rare volte in esemplari in terrario.


 

Friuli-giugno-2013 8648 copia

Natrix natrix natrix, melanotica. L'esemplare é stato osservato nel mezzo di una pietraia ad una certa distanza dall'acqua, cosa che non é comunque sorprendente per la specie.

 

Friuli-giugno-2013 8353 copia

 

 


 

Friuli-giugno-2013 8735 copia

Vipera ammodytes con la colorazione marrone-rossiccia, malgrado il contrasto coi motivi dorsali, si tratta di un femmina sub-adulta.



 

Friuli-giugno-2013 0080 copia

Maschio di Zamenis longissimus, il Colubro di Esculapio. Questo esemplare ha una lungezza di circa 170 cm.

Friuli-giugno-2013 0071 copia

Foto per mostrare la stazza del serpente, che ha una lunghezza praticamente pari alla mia altezza.

 

Friuli-giugno-2013 0088 copia

Ritratto di questo "gigante".


 

 


 

Friuli-giugno-2013 9734 copia

Ritratto di una vipera dal corno.

 

 

Le due foto seguenti ritraggono il medesimo esemplare femmina di Vipera ammodytes ammodytes, fotografato a pochi minuti di intervallo. In base all'intensità del sole e dall'angolo in cui il serpente viene visto la sua colorazione da un effetto diverso

Friuli-giugno-2013 9634 copia

 

Friuli-giugno-2013 9676 copia 2


 

Tra tutte le foto che ho scattato, una delle mie preferite é la seguente. Ritrea una femmina di Vipera ammodytes ammodytes nel suo habitat.

 

Friuli-giugno-2013-0050-copia-2

 

 

Metto alcuni scatti alla rinfusa per il puro piacere di vedere e ammirare questo magnifico animale.

 

Friuli-giugno-2013 0094 copia

 

Friuli-giugno-2013 7684 copia

 

Friuli-giugno-2013 7788 copia

 

Friuli-giugno-2013 7815 copia

 

Friuli-giugno-2013 7832 copia

 

Friuli-giugno-2013 8858 copia

 

Friuli-giugno-2013 8866 copia

 

Friuli-giugno-2013 9222 copia

 

Friuli-giugno-2013 9525 copia

 

Friuli-giugno-2013 0100 copia

 

Friuli-giugno-2013 8088 copia

 

Friuli-giugno-2013 9359

 

Friuli-giugno-2013 9586 copia

 

Friuli-giugno-2013 0107 copia

 

Friuli-giugno-2013 9299 copia 2

 

Friuli-giugno-2013 9272 copia

 

 

Copyright © Grégoire Meier 2013 . Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

 


 


Condividi post

Repost 0
Published by Grégoire Meier
scrivi un commento

commenti

giovanna 08/22/2015 19:02

foto bellissime peccato che non sia specificato il luogo dell'avvistamento

Grégoire Meier 08/23/2015 09:58

Ciao Giovanna,
come avrai potuto notare nel mio blog, non indico mai i luoghi precisi delle osservazioni che faccio. Questa mia scelta é dovuta a motivi di protezione, in quanto i rettili, e in particolar modo le vipere, sono ambiti trofei di caccia fotografica oppure sono animali visti negativamente, quindi da distruggere. Meno indicazioni si danno sulle zone delle osservazioni, meglio sono protetti questi animali delicati.
Un saluto!
Greg

ale 07/11/2013 22:23


Bello, bello, bello! 


Che dire d'altro?

Grégoire Meier 07/12/2013 09:03



:-)



yves 07/11/2013 19:41


Bravo excellent et de bien belle photos , l'année prochaine il faut que l'on aille par la bas


 

Grégoire Meier 07/12/2013 09:02



Merci!



Roberto 07/11/2013 14:49


Egregio,


 


i suoi articoli sono sempre piacevoli a leggersi e molto istruttivi: ci ha davvero abituato molto bene!


Molte belle anche le immagini: bravissimo!


Avanti tutta capitano!


Distinti saluti.


 

Grégoire Meier 07/12/2013 09:01



Grazie Roberto.


Mi fa piacere che tramite le mie foto e le varie divagazioni, questi splendidi animali vengano apprezzati!


Un saluto!


Greg



Presentazione

  • : Serpenti del Ticino
  • Serpenti del Ticino
  • : Punto di incontro per gli amanti dei serpenti o solo per chi è curioso di conoscerli.
  • Contatti

Contattarmi

Se volete contattarmi, per informazioni o per identificare un serpente che avete osservato, mandatemi pure una mail al seguente indirizzo: 

info@serpenti-del-ticino.com

oppure chiamate o mandate una foto al:

077 425 68 37

Cerca