Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
12 maggio 2014 1 12 /05 /maggio /2014 14:14

 

marocco-13-paesaggi 7987 copia

 

Nelle scorse settimane ho avuto l’occasione di trascorrere alcuni giorni in Marocco alla ricerca di serpenti.

La fauna del Marocco ha la particolarità di avere da una parte, delle influenze europee… la Spagna è vicinissima e millenni fa era attaccata al continente africano, dall’altra parte l’influenza del proprio continente è pure visibile. La desertificazione gli ha tagliato alcuni contatti col continente nero e le Colonne di Ercole lo separano dall’Europa.


marocco-13-paesaggi 0206 copia 

 

Gli ambienti sono stati, per certi versi, differenti da quello che mi aspettavo… non avrei pensato di farmi mangiare così tanto dalle zanzare. È chiaro che dove c’è acqua c’è vita… e se uno cerca serpenti, cerca in zone dove chiaramente questi rettili possono vivere e nutrirsi, per cui è logico che in un modo o nell’altro c’era dell’acqua. Il Marocco offre comunque una diversità ambientale notevole, si passa dal mare, ai fiumi, ai laghi, al deserto per poi raggiungere le cime innevate della catena montuosa dell’Atlante (alcune delle vette superano i 4000 metri).

 

marocco-13-paesaggi 0066 copia


Da appassionato di vipere europee, il sogno nel cassetto era quello di poter osservare la Vipera monticola, piccola vipera endemica delle montagne dell’Atlante, che non supera i 40 cm di lunghezza.

Questo serpentello era classificato come sottospecie della Vipera latastei, tipica della penisola Iberica, fino alla metà degli anni ’80, prima di essere elevata a specie.

Abbiamo cercato questa vipera in un habitat situato attorno ai 2800 metri di quota, habitat roccioso e cosparso di arbusti/cespugli spinosi. La fortuna ha voluto che abbiamo potuto osservare un maschio e una femmina.

 

Marocco-11-monticola 6616 copia

Vipera monticola, femmina.

 

Marocco-11-monticola 6871

Vipera monticola, maschio.


 

Marocco-11-monticola 0136 copia

 

Marocco-11-monticola 6631 copia

 


 

Il Marocco è pure famoso per le sue Natrix maura… i loro colori sono spettacolari, passano dai grigi, agli esemplari più attraenti che sono aranciati. Fino ad ora avevo visto solo pochi esemplari svizzeri di questo colubro, esemplari piuttosto anonimi nella colorazione. Visti quelli marocchini, ammetto che ho capito perché il nome popolare di questo serpente è Natrice viperina! Il suo comportamento e la sua livrea possono veramente portare a confusione.

 

Marocco-3-natrix 0850 copia

 

Marocco-3-natrix 6953

 

Marocco-3-natrix 6992 copia

 

Marocco-3-natrix 0855 copia

 

Marocco-3-natrix 0949 copia

 

Marocco-3-natrix 7971 copia

 

Marocco-3-natrix 0977 copia

Facessimo astrazione all'ambiente e alla latitudine, guardando velocemente questa ultima foto non potremmo scambiarla per una vipera? 

 

 

 

Uno dei serpenti più comuni in Marocco è il Colubro ferro di cavallo (Hemorrhois hippocrepis). Questo serpente dal carattere battagliero ha un’eleganza notevole ed è un altro di questi rappresentanti presente pure sul nostro continente.

 

Marocco-8-Hemorrhois-hippocrepis 7449 copia

 

Marocco-8-Hemorrhois-hippocrepis 0823 copia


Marocco-8-Hemorrhois-hippocrepis 7994 copia

 

Marocco-8-Hemorrhois-hippocrepis 0440 copia


 

 

Perlustrando una zona desertica, nella vana ricerca di vipere del deserto, ci siamo imbattuti in un Psammophis schokari. Il suolo colore era perfettamente adatto a passare inosservato nei cespugli disseminati nella zona. Se i ricordi non mi tradiscono…ho avuto modi di incontrare questo serpente da bambino durante delle vacanze in Tunisia. In una specie di zoo un tizio me ne aveva messi attorno al collo una decina.

 

Marocco-6-Psammophis-schokari 0621 copia

 

Marocco-6-Psammophis-schokari 0627 copia

 

Marocco-6-Psammophis-schokari 7739 copia

 

Marocco-6-Psammophis-schokari-0608-copia

 

 

Abbiamo potuto osservare anche un serpente molto bello ed elegante … forse un Hemorrhois?

 

Marocco-7-testa-nera-marcroprotodon- 0561 copia

 

Marocco-7-testa-nera-marcroprotodon- 7611 copia

 

Marocco-7-testa-nera-marcroprotodon- 7616 copia

 


 

Il tempo mi manca terribilmente per poter dare un nome veramente corretto, e onestamente pure i mezzi e le conoscenze per certi versi sono un po’ lacunosi…per cui mi limito a dire che probabilmente questo serpentello (che mi ricordava un po’ una coronella con testa nera) è un Macroprotodon…non mi sbilancerei oltre per il momento!

 

Marocco-5-Macroprotodon-abubakeri 8024 copia

 

Marocco-5-Macroprotodon-abubakeri 8038 copia

 

Marocco-5-Macroprotodon-abubakeri 0912 copia

 

Marocco-5-Macroprotodon-abubakeri 8026 copia

 


 

Sono stato molto felice di poter vedere dal vivo uno Spalerosophis, probabilmente Spalerosophis dolichospilus. Gli Spalerosophis hanno una vasta area di distribuzione e sono divisi in varie specie. I loro motivi (specialmente quelli della testa) sono a volte simili alle livree delle vipere presenti nel loro areale, per cui é probabilmente una forma di mimetismo...si fanno passare per pi?u pericolosi di quel che non sono realmente. Questo serpente mi ha sempre affascinato e sono stato sorpreso dell'indole docile dello splendido esemplare trovato.

 

Marocco-4-Spalerosophis-diadema 7539

 

Marocco-4-Spalerosophis-diadema 7550

 

Marocco-4-Spalerosophis-diadema 7568

 

Marocco-4-Spalerosophis-diadema 7563

 

 

 

 

Le nostre ricerche sono state mirate, diverse volte, alla ricerca di cobra, di Daboia mauritanica e di Bitis arietans… senza grande successo, tranne spiacevoli incontri di diversi esemplari morti sulle strade.

 

Marocco-9-arietans-0534-copia

 

Marocco-9-arietans 0467 copia

 

Questa giovane Bitis agonizzava sulla strada, la parte posteriore del corpo schiacciata da una bicicletta o una moto. Mentre la analizzavamo per capire quante probabilità di sopravvivenza avesse, in un disperato gesto, forse dettato da muovimenti convulsi e inconsci, mordeva il gancio che avevamo usato per spostarla dalla strada, mostrandoci la sua potente dentatura.

 

Marocco-9-arietans 7061 copia

 

Marocco-9-arietans 7064 copia

 

Oltre ai serpenti abbiamo avuto l’occasione di ammirare parecchie lucertole, tartarughe, anfibi, ragni, scorpioni e altro, che ora vi metto in modo un po’ caotico.

 

La parte dei giganti l'hanno avuta sicuramente gli scorpioni...ecco alcuni di quelli che ho potuto vedere. Le classificazioni sono un vero incubo per me! Questi potrebbero essere dei Buthus.

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0586 copia

 

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0048 copia

 

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0592 copia

 

2


Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 6599 copia


Il prossimo, ha appena fatto la muta, sfruttando l'umidità accumulta sotto ad un sasso.

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0587 copia


 

Il prossimo dovrebbe essere Androctonus mauretanicus 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0334 copia


 

Questi magari Hottentota franzwerneri 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0642 copia

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0884 copia

 


 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7953 copia

Quest'ultimo (Scorpio mogadorensis ??) deve essere uno dei meno velenosi vista la mole delle sue chele massiccie e dal fatto che é stato l'unico a proteggere la testa invece che colpire col pungiglione in caso di molestia.

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7932 copia


 

Questo piccolo essere agghiacciante per aspetto é un Solifugae.

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7464 copia


 

Alcuni insetti:

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0099 copia


Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0158 copia

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0640 copia

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7429 copia

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7917 copia

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7963 copia

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0365 copia

Acrida


 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0672 copia

Scarabeo sacro per gli Egizi (Scarabaeus sacer).

 


 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0578 copia

Questo non é un insetto!


 

 

E poi qualche ragno che proverò a classificare appena ne avrò tempo!

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0788 copia

Hogna maroccana


 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7847 copia

Eusparassus dufouri

 

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7462 copia


Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7908 copia

Ischnocolus sp.

 


 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0032 copia

Argiope


 

Gli anfibi:

 

Marocco-1 7954 copia

Bufotes boulengeri (?)

 

Marocco-1 0170 copia

Hyla meridionalis

 

Marocco-1 6943 copia

 

 

 

Alcune rane.

 

Marocco-1 0166 copia

 

Marocco-1 0360 copia


 

 

 

I sauri avvistati:

 

Marocco-10-lucertole 0106 copia

 

Marocco-10-lucertole 7030 copia

 

Marocco-10-lucertole 0345 copia

Tarentola

 


 

Marocco-10-lucertole 0119 copia

 

Marocco-10-lucertole 0939 copia

 

Eumeces algerinensis

 

Marocco-10-lucertole 6555 copia

 

 

 

Marocco-10-lucertole 6807 copia

Chalcides


 

Marocco-10-lucertole 7782 copia


 

Marocco-10-lucertole 7487 copia

 

Marocco-10-lucertole 0636 copia


 

 

Stenodactylus mauritanicus (?)

 

Marocco-10-lucertole 7762 copia


 

 

Agama impalearis

 

Marocco-10-lucertole-0503-copia

 

Marocco-10-lucertole 7524 copia

 

Marocco-10-lucertole 7504 copia

 

Marocco-10-lucertole 7401 copia

 

Marocco-10-lucertole 7358 copia

 

 

 

Stenodactylus mauritanicus

 

Marocco-10-lucertole 7207 copia

 


 

 

Saurodactylus

 

Marocco-10-lucertole 7874 copia

 

Marocco-10-lucertole 7868 copia

 

Marocco-10-lucertole 7884 copia

 


 

Alcuni esemplare di Tarentola chazaliae, dal mimetismo spettacolare!

 

Marocco-10-lucertole 7645 copia

 

Marocco-10-lucertole 0564 copia

 

Marocco-10-lucertole 7695 copia

 

Marocco-10-lucertole 7706 copia


 

Splendidi Uromastyx

 

Marocco-10-lucertole 7852 copia

Esemplare govane

 

Marocco-10-lucertole 7825 copia

Magnifico adulto

 

Marocco-10-lucertole 7843 copia

 

 

 

Un paio di simpatici Chamaeleo chamaeleon:

 

Marocco-10-lucertole 7160 copia

 

Marocco-10-lucertole 7164 copia

 

Marocco-10-lucertole 0380 copia

 

Marocco-10-lucertole 7176 copia

 

Marocco-10-lucertole 7150 copia

 


 

Vari fiori:

 

Marocco-1 0144 copia

 

Marocco-1 0393 copia

 

Marocco-1 0175 copia

 

Marocco-1 7920 copia

 

Marocco-1 0394 copia

 

Marocco-1-0599-copia

 

Marocco-1 7922 copia

 

Marocco-1-7913-copia

 

Marocco-1-7912-copia


 

Marocco-1 7900 copia

 

Marocco-1-7915-copia

 

Marocco-1 7907 copia

 

 

 

 

Testudo graeca

 

marocco-12-tartarughe 0037 copia

 

1

 

marocco-12-tartarughe 0871 copia

 

 

Mauremys leprosa

 

marocco-12-tartarughe 0390 copia

marocco-12-tartarughe 7115


 

Dopo varie ore passate a percorrere strade desertiche, aver visto miraggi materializzati da un lago di sale, ho potuto vedere questo mitico animale...ero rassicurato di vederlo anche in foto al mio rientro...segno che non avevo il cervello totalmente sfasato!

marocco-13-paesaggi 7806 copia 2

 

 


 

La volpe!

Forse con la risoluzione del blog non si vede.

 

marocco-14-mix 7893 copia


 

 

Un nido d'uccello...che faceva sperare di poter incontrare un Dasypeltis, serpente mangiator di uova!

 

marocco-14-mix-0352-copia

 


 

marocco-14-mix 0303 copia

 

Ringrazio i miei compagni di viaggio, Konrad Mebert, Marco Sassoe e Johan De Smedt, con cui ho passato veramente dei bei momenti e con cui ho fatto un sacco di risate!

 


marocco-14-mix 0807 copia

 


 

Ora metto una carellata di paesaggi e foto sparse.

marocco-13-paesaggi 0031 copia

 

marocco-13-paesaggi 0148 copia

 

marocco-13-paesaggi 0151 copia

 

marocco-13-paesaggi 0187 copia

 

marocco-13-paesaggi 0194 copia

 

marocco-13-paesaggi-0249-copia

 

marocco-13-paesaggi 0231 copia

 

marocco-13-paesaggi 0325 copia

 

marocco-13-paesaggi-0511-copia

 

marocco-13-paesaggi 0556 copia

 

marocco-13-paesaggi 0738 copia

 

marocco-13-paesaggi-0573-copia

 

marocco-13-paesaggi 0768 copia

 

marocco-13-paesaggi 0782 copia

 

marocco-13-paesaggi 0773 copia

 

marocco-13-paesaggi-0685-copia

 

marocco-13-paesaggi 0664


 

Il duro lavoro di identificazione degli animali e smistamento delle foto mi ha mandato in confusione, per cui troverete alcuni errori... abbiate pazienza, appena avrò raccolto informazioni, ricevuto correzioni e suggerimenti, modificherò le determinazioni dei vari animali fotografati. Intanto vi posso consigliare di buttare un occhio al seguente sito: http://www.moroccoherps.com/

 

Grazie per la pazienza e spero che avete apprezzato questa valanga di immagini... e che non vi siate annoiati a morte come questo povero asinello!

 

marocco-13-paesaggi 0509 copia

 

 

Copyright © Grégoire Meier 2014. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.  


Condividi post

Repost0
17 marzo 2014 1 17 /03 /marzo /2014 15:20

Tra le osservazioni che preferisco, ci sono queste, le osservazioni primaverili.

Appena il tempo migliora e le giornate si scaldano, perlustro qualche habitat che mi pare ideale… spesso sono passeggiate prive di incontri coi serpenti, ma è gradevole osservare la natura riavviarsi, vedere una farfalla, un fiore, una gemma, una lucertola, sentire gli uccellini cantare e le ghiandaie schiamazzare!

 

primavera-2014 0040 copia

Polygonia c-album

 

 

L’occhio deve riabituarsi a scorgere il serpente mimetizzato nel suo ambiente, magari pure sporco della terra presente nel suo nascondiglio invernale.

Le prime volte le felci secche, i rametti che proiettano la loro ombra tra le foglie e altri piccoli dettagli mi fanno sussultare il cuore credendo di vedere una vipera…poi aguzzo lo sguardo e mi arrendo all’evidenza…oggi niente serpenti!

Le giornate spese così sono diverse, finché un giorno ecco che l’occhio cade su di una sagoma “anomala”, presenza invisibile ma fuori posto in mezzo alla vegetazione secca. La prima vipera dell’anno è emozionante, per certi versi è rassicurante. Mi rendo conto che il ciclo riprende, come è sempre ripreso, e soprattutto, la cosa che rassicura maggiormente dopo varie giornate passate a cercare vipere, senza successo, è che mi dico: -ok, sei ancora capace di scorgere questi serpenti!

 

primavera-2014 5968 copia 2

 

 

Il bello di questi primi incontri è anche il fatto che se ci si avvicina con cautela alle vipere, esse non scappano, ancora un po’ intorpidite, per non dire rimbambite, dal lungo periodo passato al freddo. Più di una volta mi son seduto a fumare una sigaretta a pochi centimetri da una vipera placidamente incollata al suolo per immagazzinare il massimo del calore che viene a crearsi nel microclima che la bestiola ha scelto.

 

primavera-2014 0024 copia

Maschio di Vipera aspis francisciredi

 


Solitamente i maschi sono i primi a volersi scaldare. La natura li ha fatti probabilmente più “svegli” delle femmine…in modo che quando queste ultime decidono di uscire allo scoperto, i maschi sono già caldi e pronti per gli accoppiamenti, mentre le femmine intorpidite, sono meno propense a fuggire per evitare i continui corteggiamenti maschili.

 

primavera-2014 6170 copia

Maschio, in basso a sinistra, che corteggia una femmina la cui testa é visibile in alto a destra.

 

 

 

Non siate sorpresi se anche in rete trovate diverse fotografie di serpenti, soprattutto vipere, in periodi dell’anno ancora freschi, tipo febbraio. Alcune zone offrono dei microclima particolari, in cui le temperature sono nettamente più alte che nel resto del territorio. Può darsi benissimo che in un determinato ambiente girino serpenti mentre a poche centinaia di metri sia quasi ancora inverno inoltrato. Le quote influenzano notevolmente anche questa cosa.

 

primavera-2014 0051 copia

 

 


Personalmente le osservazioni primaverili le faccio sempre nel medesimo “spot” che ormai frequento da diversi anni. Esploro anche altri ambienti, ma decisamente fin che le vipere non sono attive in quel che ormai considero lo spot primaverile, ho poche speranze di vederne altrove. Questo ben inteso parlando di Vipera aspis francisciredi; potrebbe darsi che la sottospecie Vipera aspis atra sia meno sensibile alle temperature fresche e allo sbalzo termico giorno/notte che c’è all’inizio della primavera. Sono cose che spero di riuscire a verificare nei prossimi anni…tempo permettendo!

 

Vi lascio coi pochi scatti che ho da proporvi.

 

primavera-2014 0011 copia

Il primo esemplare visto, un maschio di Vipera aspis francisciredi il 6 marzo.

 

primavera-2014 0001 copia

 

Qualche tipico fiore primaverile.

 

primavera-2014 0017 copia


 

primavera-2014 6002 copia

Rana temporaria mimetizzata sul fondo di una piccola pozza.

 

primavera-2014 6056 copia

Purtroppo alcune rane scelgono posti sbagliati per deporre le uova.


 

primavera-2014 5903 copia

In questa foto sembrerebbe che la vipera sia sola,ma nella seguente, osservando attentamente vedrete che é un maschio assieme ad una femmina.

primavera-2014 5954 copia


 

primavera-2014 0073 copia

Polygonia c-album, una delle mie farfalle preferite!


primavera-2014 5889 copia


 

primavera-2014 5870 copia

Questa non é una Polygonia c-album... si sarà strappata le ali per assomigliarci?


 

primavera-2014 6111 copia

La neve non si é ancora sciolta che le rane sono prese dalla frenesia riproduttiva.

 

primavera-2014 6075 copia

Una femmina di Rana temporaria alle prese con diversi maschi frenetici. Purtroppo la foga dei maschi porta spesso alla morte, per annegamento, della povera femmina.

La foto immobile non da giustizia alla frenesia dell'istante.

primavera-2014 6079 copia



 

primavera-2014 6021 copia

Lacerta bilineata

 



 

primavera-2014 5945 copia

Vipera femmina.

 

primavera-2014 5921 copia

La medesima vipera della foto precedente con una lucertola a pocha distanza.

 

 

primavera-2014 6123 copia

Veramente difficile da vedere, ma in questa foto vi sono tre vipere, due relativamente visibili, una molto meno da questa prospettiva.

 

 

primavera-2014 6152 copia

Maschio di Vipera aspis francisciredi, probabilmente vecchio di un paio d'anni.

primavera-2014 0026 copia


 

 

primavera-2014 5996 copia

A volte si intravvede poco... e termino riproponendo quest'immagine, vista sopra, di una vipera che sembra affacciasi dalla finestra.

 

primavera-2014 0055 copia


 

Copyright © Grégoire Meier 2014. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto. 


 


 

 

 

 


Condividi post

Repost0
25 febbraio 2014 2 25 /02 /febbraio /2014 11:09

 

gruppo 1. copia

 

La vipera raddei (Montivipera raddei) prende il nome dal naturalista prussiano, deceduto nel 1903 a Tifilis in Georgia, Gustav Radde, che ne consegnò alcuni esemplari allo zoologo Böttger.

Questa robusta vipera, i cui maschi possono sfiorare il metro di lunghezza, mentre le femmine restano sugli 80 centimetri, vive nell’est della Turchia, nordovest dell’Iran, Azerbaijan e Armenia. Forse delle indagini naturalistiche nei travagliati territori circostanti, potrebbero estenderne la ripartizione.

L’habitat di questo serpente é montano, situato anche ad una quota che supera i 2000 metri sopra il livello del mare.

 

radei5


L’indole di questa vipera é mite, ma se disturbata sa farsi valere, soffiando rumorosamente per scoraggiare il predatore, prima di mordere per difendersi. Resta comunque un serpente piuttosto caratteriale.

 

raddei


Una particolarità che mi affascina parecchio in questo serpente, sono le squame sopraoculari, che gli conferiscono uno sguardo, a volte severo, e a volte quasi buffo. Il motivo dorsale è anche molto bello, avendo delle pronunciate macchie marroni contrastanti col fondo grigio, o nero di alcuni individui.

 

r2 copia

 

Perché vi parlo di questa vipere che vive ben lontano dal Ticino?

 

In primo luogo perché fa parte di un gruppo di vipere che mi affascina da sempre, il gruppo Montivipera, di cui ho la fortuna di poter allevare alcune specie, tra cui la Montivipera raddei.

 

r3 copia

 

In un secondo tempo perché recentemente ho arricchito la mia collezione di oggetti legati al serpente. In questo caso si tratta di una moneta commemorativa coniata in Armenia per sottolineare un programma di protezione della natura nelle zone del Caucaso.

 

gruppo 1 copia

raddei6

 


Fortunatamente la vipera raddei è stata inclusa nella lista degli animali protetti e tutelati.

La cattura di animali da rivendere al mercato collezionistico, la persecuzione da parte di agricoltori e pastori che preferiscono eliminare un serpente potenzialmente pericoloso per loro e i loro animali da reddito, e soprattutto la distruzione dell’habitat di questo serpente, minacciano la sua sopravvivenza a lungo termine.

 

raddei3


Fa piacere vedere una presa di coscienza, vedere che anche un animale che non sia uno scoiattolino carino o un uccellino simpatico venga preso come uno degli emblemi di un programma protezionistico. Stiamo finalmente arrivando ad una presa di coscienza importante, in cui non si tutela unicamente l’animale piacevole, ma si tutela l’intero equilibrio, equilibrio possibile unicamente grazie alla presenza di tutti gli abitanti dell’habitat preso in esame.

Nel caso della vipera raddei, è stato fatto un lavoro di campo importantissimo, eseguito da enti locali in collaborazione con associazioni statunitensi appoggiate da un importante giardino zoologico.

 

raddei 0134 copia 2


Sarebbe bello che anche nei nostri territori ticinesi si prendesse maggiormente coscienza dell’importanza della fauna “antipatica”. Che i vigneti del Mendrisiotto (tanto per fare un esempio lampane di habitat diventati ormai ostili a vipere e serpenti) venissero arredati con parcelle idonee alla vita di vipere. Con i dovuti accorgimenti, una convivenza pacifica è possibile, arricchirebbe la biodiversità e il valore naturalistico del nostro territorio.

 

r copia

 

Copyright © Grégoire Meier 2014. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto. 


Condividi post

Repost0
23 dicembre 2013 1 23 /12 /dicembre /2013 16:24

Spero che i frequentatori del mio blog abbiano sempre percepito che i protagonisti di questo sito sono i serpenti (in primo luogo) e la natura in generale. Chiaro, queste righe non si materializzano spontaneamente dal nulla, è anche vero che in qualche articolo sono apparsi amici e conoscenti, e pure il sottoscritto, ma il vero protagonista e l’unico motore di questo blog è il serpente.

Dopo queste belle premesse devo ammettere che quest’anno è stato un anno piuttosto "mediatico". Malgrado la mia indole piuttosto riservata e schiva ho contribuito ad alcuni articoli di giornale e trasmissioni radiofoniche. Logicamente questi interventi, non puramente scientifici ma diretti al grande pubblico, danno un certo risalto alla persona. Mi sono prestato volentieri a questi interventi poiché lo scopo primario è di divulgazione e sensibilizzazione, per cui ben venga che sia messa in gioco la figura di una persona per affrontare e parlare della “questione serpente”.

Ringrazio ancora qui i giornalisti che hanno scrupolosamente operato in questo senso.

 

Un'altra parte di cui sono piuttosto orgoglioso sono i due documenti scientifici a cui ho potuto collaborare, il primo che riguarda la segnalazione di Dolichopoda geniculata in Svizzera, il secondo in cui si documenta l’osservazione di un esemplare di Vipera aspis hugyi melanotico.

 

Questo anno mediatico ha rinforzato la mia opinione sul fatto che poco importa se hai una formazione scientifica, se sei un appassionato, se sei un terrariofilo, se sei un ricercatore e via dicendo. Credo che tutti coloro che “gravitano” attorno al “mondo dei serpenti” in fondo contribuiscano alla loro conoscenza e quindi al loro rispetto. Trovo patetico, spregevole e veramente peccato che nelle varie “piccole comunità virtuali”, tra appassionati ci sia competizione e un conseguente disprezzo per i punti di vista altrui. Disprezzo che sfocia spesso in conflitti, in denigrazione e in cattiveria. Se lo scienziato collaborasse con l’allevatore e con il semplice appassionato che osserva animali in natura si raccoglierebbero più risultati che non se ognuno di queste frange combatte le altre. Un allevatore può anche essere un ottimo osservatore rispettoso…uno non impedisce l’altro.

La fotografia digitale e i vari forum (ormai decimati dalle comunità dei socialnetwork) hanno poi incrementato il numero di nuovi appassionati, che stufi (o semplicemente per aumentare stupidamente la propria autostima) di fotografare soggetti più "banali", si avvicinano alla fotografia dei rettili. Ben vengano, anche loro contribuiscono alla divulgazione! Francamente non trovo nulla di più valorizzante nel fotografare un serpente piuttosto che un fiore. Ognuno dovrebbe seguire la propria passione. Ho visto foto di zecche immortalate di chi è appassionato di questi animali. Queste foto, fatte col cuore, mi hanno fatto amare e ammirare la zecca (per poco tempo e solo in foto!!!).

 

Chi oggi condanna i serpari degli anni ‘60 che guadagnavano da vivere tagliando teste di vipere, spara anche su chi 15 anni fa agiva in un determinato modo, spara su chi “mette in posa” un serpente per fotografarne i dettagli, seguendo la nuova tendenza della foto “in situ”, cioè la foto del serpente immortalato nel suo ambiente senza essere messo in posa. Foto molto interessanti, foto di osservazione che mi diletto pure io a scattare, ma che difficilmente valorizzano il serpente in tutto il suo splendore. Anche qui sono due approcci diversi e sono due approcci compatibili e non antagonisti.

Mi sto già disperdendo… in pratica non dimentichiamoci che ancora agli inizi del XX° secolo si portavano a casa dei trofei “guadagnati” a fucilate, mentre oggi la gente porta a casa trofei fotografici. Per fortuna i tempi sono cambiati, ma purtroppo non le mentalità. Il fotografo-trofeista vuole portare a casa la foto della Natrix più grande, l'immagine del maggior numero di specie, e questo a discapito della vera passione.

 

Le mie foto, i serpenti che allevo, le mie osservazioni non sono trofei, sono il frutto si una passione irrefrenabile e di alcune ore di evasione mentale che amo condividere, con la speranza che la condivisione porti al rispetto del serpente e della natura.

Tutto il resto…è fluido cloacale materializzato da cervelli atrofizzati e avidi di accrescere il proprio ego.

 

Auguro a tutti un felice nuovo anno e vi lascio, per chi ne è interessato, le immagini dei due documenti a cui ho contribuito.

(Vedo che on-line non sono leggibili, a chi lo volesse, posso mandare un PDF.)



      La nota apparsa su: Herpetological Review 44(4), 2013

1492482 183274685203967 1849883649 o


 

Qui di seguito il documento apparso su: Bollettino della Società ticinese di scienze naturali-101, 2013    

 

 

Dolichopoda 1:4 1

 

Dolichopoda 2:4

 

Dolichopoda 3:4

 

Dolichopoda 4:4

 

 

Copyright © Grégoire Meier 2013 . Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto. 

Condividi post

Repost0
2 dicembre 2013 1 02 /12 /dicembre /2013 09:55

Decisamente…l’inverno è arrivato!

 

Malgrado le temperature decisamente fredde, i serpenti ci riservano sorprese. Il 27 novembre, nel pomeriggio, ho fatto due passi in un habitat in cui ho potuto osservar che diversi serpenti si spostano in una precisa zona, per passare l’inverno. Probabilmente quel punto offre i necessari rifugi e delle temperature ideali per sopravvivere all’inverno. C’è anche da dire che tale zona, in primavera, viene toccata dal sole per molto più tempo che non il resto dell’habitat.

Ma torniamo alla fine di novembre… le temperature notturne sono vicine allo 0°C, di giorno, malgrado il sole, l’aria è fredda, ma passando la mano nell’erba o sulle pietre esposte al sole noto che il substrato è tiepido.

Il mio intento era di osservare qualche Podarcis muralis. Queste lucertole sanno approfittare di ogni minimo istante di tepore, e difatti non è raro scorgerle anche in pieno inverno nelle giornate tiepide.

Con mio stupore ho invece osservato un piccolo di Biacco (Hierophis viridiflavus) placato sulla pietra di un vecchio muretto a secco!

Il piccolo serpente, nato probabilmente in settembre di quest’anno, mi ha permesso di fare un paio di foto col telefono (non ero attrezzato) prima di rifugiarsi tra i sassi.

 

2

 

 

 

Con questo post vi presento pure alcune foto d’archivio che ho ideato per mostrare quanto a volte gli animali possano sfuggire ad uno sguardo veloce.

Come avrete notato sono piuttosto negato nel lavoro di post-produzione delle foto, ma spero che apprezzerete quest’idea.

 

15.3.12

Vipera aspis francisciredi

 

 

2 09 10

Femmine di Vipera aspis francisciredi.

 

21 03 2013

Vipera aspis francisciredi.

 

 

effetto-lente 3006 copia

Vipera aspis francisciredi.

 

 

effetto-lente 2878 copia

Vipera aspis francisciredi.

 

effetto-lente 5692 copia 2

Salamandra salamandra.

 

 


 

Copyright © Grégoire Meier 2013 . Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto. 

 

Condividi post

Repost0

Presentazione

  • : Serpenti del Ticino
  • : Punto di incontro per gli amanti dei serpenti o solo per chi è curioso di conoscerli.
  • Contatti

Contattarmi

Se volete contattarmi, per informazioni o per identificare un serpente che avete osservato, mandatemi pure una mail al seguente indirizzo: 

aspisatra@yahoo.it

oppure chiamate o mandate una foto via whatsapp al:

077 425 68 37

(+41, se scrivete da fuori Svizzera)

Cerca