Overblog
Segui questo blog
Administration Create my blog
18 settembre 2016 7 18 /09 /settembre /2016 09:43

Anche quest'anno mi son concesso una settimana di scampagnate in Sicilia. Oltre a buon cibo e buon vino, lo scopo principale del viaggio é stato quello di osservare Vipera aspis hugyi, la sottospecie di vipera comune che popola il Sud Italia. Poterle osservare in Sicilia é interessante in quanto la popolazione é "isolata" su di un'isola. Il clima particolare che regna negli habitat in cui questi serpenti sono osservati abitualmente, ha anche il suo fascino oltre che rendere la ricerca non evidente.

Coscienti che la stagione scelta per fare questo giro non fosse delle migliori per fare numerose osservazioni, devo dire che tutto sommato i risultati raccolti sono stati soddisfacenti e appaganti.

Qui di seguito vi mostro alcune immagini che vogliono riflettere le impressioni e le sensazioni di questo giro in Sicilia.

Sicilia 2016

Le lucertole (Podarcis sicula) sono sicuramente i rettili visti con maggiore abbondanza. La specie presente nelle zone visitate é simile alla nostra lucertola muraiola, ma ne differisce, tra le altre cose, da dei colori più sgargianti, specialmente negli adulti.

Sicilia 2016
Sicilia 2016
Sicilia 2016
Sicilia 2016
Sicilia 2016
Sicilia 2016
Sicilia 2016

Gli habitat visitati sono stati diversi, passando da boscaglie a terrazzamenti, per spingerci in praterie semiaride cosparse di affioramenti lavici e muretti.

 

Sicilia 2016
Sicilia 2016
Sicilia 2016

Nella seguente foto si può vedere il buon umore e l'entusiasmo mattutino di Johan (con cui ho fatto questo giro) e l'espressione perplessa alla fine di una lunga giornata infruttuosa!

Sicilia 2016

 

 

Quest'anno gli incontri coi biacchi (Hierophis viridiflavus) sono stati numerosi. Probabilmente il fresco della notte spingeva questi serpenti a scaldarsi nelle prime ore della giornata, permettendoci svariati avvistamenti:

Sicilia 2016
Sicilia 2016
Sicilia 2016

 

 

 

Le piogge della settimana precedente il nostro arrivo e le precipitazioni pomeridiane o notturne hanno stimolato alcune fioriture:

Sicilia 2016
Sicilia 2016
Sicilia 2016

Dopo lunghe ore di ricerche finalmente riusciamo ad osservare una bella femmina gravida di Vipera aspis hugyi. Il suo colore piuttosto chiaro la mimetizza perfettamente tra la lava chiara e cosparsa di licheni. La fitta vegetazione secca rende totalmente criptico il serpente.

 

Dopo avergli fatto alcune foto l'abbiamo lasciata in pace, cosa che ci ha permesso, un'ora dopo di poterla fotografare di nuovo nel suo nascondiglio. I numerosi passaggi nuvolosi hanno fatto si che la vipera sia rimasta esposta circa 6 ore, spostandosi leggermente all'interno o all'esteno del suo nascondiglio, prima di sparire definitivamente in fine pomeriggio.

Sicilia 2016
Sicilia 2016
Sicilia 2016

Un simpatico rettile che abbiamo osservato con una certa abbondanza é il gongilo (Chalcides ocellatus tiligugu):

Sicilia 2016
Sicilia 2016
Sicilia 2016
Sicilia 2016

Il ramarro (Lacerta bilineata) é pure lui abbondantemente presente:

Sicilia 2016
Sicilia 2016

In Sicilia si può incontrare il Colubro di Esculapio, simile a quello presente in Ticino, ma con qualche caratteristica diversa, che lo porta ed essere una specie a se stante, Zamenis lineatus. I suoi occhietti arancioni e le bande longitudinali ne sono una caratteristica abbastanza tipica.

 

Nella foto seguente, un maschio che abbiamo sorpreso mentre si liberava dell'esuvia. Vanno comunque notate le diverse cicatrici e i segni della vita non semplice di questi serpenti:

Sicilia 2016
Sicilia 2016

 

 

 

Diversi ragni:

Sicilia 2016

Hogona radiata con ovisacco (sopra) e una seconda senza (sotto).

Sicilia 2016
Sicilia 2016

Argiope bruennichi, femmina con preda.

 

 

 

 

La ​Scolopendra cingulata é facilmente osservabile alzando la roccia lavica:

Sicilia 2016

 

 

 

 

In una mattinata di pioggia, in cui il sole scaldava timidamente il suolo tra due acquazzoni, abbiamo fatto un giro con Melo, che é riuscito a scovare un bel maschio di Coronella austriaca:

Sicilia 2016
Sicilia 2016

 

 

 

 

Come detto sopra, il gongilo (Chalcides ocellatus tiligugu) é facilmente osservabile in certe zone della Sicilia, sia davanti al sasso che usano come rifugio, che sotto a lamiere e altro materiale deposto. 
Con una certa sorpresa abbiamo trovato l'individuo seguente, con la parte terminale della coda doppia.
Come altre lucertole, pure il gongilo ha la capacità di separarsi della coda per sfuggire ai predatori, e a volte la ricrescita può presentare anomalie, dovute a una piccola ferita o trauma nella coda.
A mia conoscenza sono poche le osservazioni di questo fenomeno su Chalcides ocellatus.

Sicilia 2016

 

 

 

La stagione preautunnale si sente, sia nel clima che nei frutti che la natura offre...

Sicilia 2016
Sicilia 2016

... molti insetti sono arrivati all'ultimo stadio di sviluppo e terminano il loro ciclo vitale, spesso accoppiandosi per poter deporre le uova prima dell'inverno...

Sicilia 2016
Sicilia 2016
Sicilia 2016

.... alcune cavallette si accoppiano in modo tradizionale...

Sicilia 2016

... mentre altre usano un po' più di fantasia...

Sicilia 2016

... L'Etna, coi suoi oltre 3300 metri di altezza, a volte in questo periodo viene già spolverato di neve:

Sicilia 2016

Con ogni probabilità, il fresco della notta ha spinto diversi rettili a doversi esporre al solo nelle tiepide giornate. Questo ci ha permesso di poter osservare una seconda femmina di Vipera aspis hugyi. Come l'individuo precedente, pure questo era gestante, quindi con un grande bisogno di esporsi per completare lo sviluppo degli embrioni e poterli partorire prima dell'inverno.

 

La colorazione di questa vipere é nettamente più scura che quella presente dell'individuo osservato un paio di giorni prima. Probabilmente un clima più umido con pietre laviche scure e coperte di muschio, ha favorito una livrea totalmente diversa che in un ambiente più arido con pietra lavica chiara.

Sicilia 2016
Sicilia 2016
Sicilia 2016
Sicilia 2016

 

 

 

 

Termino questo giro virtuale con una foto quasi emblematica...il biacco, presente in molti ambienti e molto adattabile. Un incontro comune, ma sempre affascinante.

Sicilia 2016

 

 

 

 

Copyright © Grégoire Meier 2016. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Published by Grégoire Meier
scrivi un commento
9 agosto 2016 2 09 /08 /agosto /2016 09:17

I mille impegni estivi spesso mi portano a trascurare questa piattaforma... centinaia di foto da smistare, poco tempo per farlo... lunghe giornate a perlustrare zone dove i serpenti dovrebbero abbondare, ma si fa fatica ad osservarli...

Qui di seguito condivido alcune osservazioni che ho potuto fare in questi mesi caldi, che mi hanno portato in diverse valli svizzere e italiane.

 

 

Estate di giri

Alcuni fiumi della Liguria sono un ottimo ambiente dove potere osservare la Natrice viperina (Natrix maura), interessante serpente paragonabile alla nostra Natrice tassellata.

Nelle immagini, una femmina adulta e un piccoletto.

Estate di giri
Estate di giri

Restando nelle specie particolarmente legate ad ambienti fluviali, paludosi e lacustri, interessante é stato l'incontro, in Piemonte, con questa grossa Natrice dal collare (Natrix natrix) melanotica che digeriva un abbondante pasto, probabilmente un rospo.

Estate di giri
Estate di giri

Qualche ora trascorsa nei Grigioni italiani mi ha regalato l'incontro con questa femmina di Vipera aspis atra che vive in pietraie ricoperte di ginepri e rododendri... ottimi habitat che permette un notevole mimetismo:

Estate di giri

Uno dei serpenti sempre molto gradevole da osservare, ma per nulla scontato in Ticino, é la Vipera berus. Non ho avuto molte occasione per percorrere i suoi habitat, ma un esemplare si é fatto vedere, una femmina:

Estate di giri
Estate di giri

 

 

 

Nel medesimo habitat, come di consueto, si incontra la Coronella austriaca ...

Estate di giri

 

.... e pure l'orbettino:

Estate di giri

 

 

 

In questa stagione la natura brulica di vita... insetti, ragni, piante sono in totale esplosione:

Estate di giri
Estate di giri
Estate di giri
Estate di giri
Estate di giri
Estate di giri
Estate di giri
Estate di giri

Alcune giornate sono state dedicate all'osservazione di Vipera walser in diverse valli del Piemonte. Vista la stagione, non é sorprendente avere osservato solo esemplari femmina e la maggior parte di loro in gestazione:

Estate di giri
Estate di giri
Estate di giri

Gli ambienti propizi a questa vipera abbonda anche di Coronella austriaca...

Estate di giri
Estate di giri
Estate di giri

 

 

 

...e di lucertola vivipara (Zootoca vivipara):

Estate di giri

Un giro ad osservare Vipera aspis francisciredi mi ha fatto incrociare la strada di un paio di femmine:

 

Estate di giri
Estate di giri

Questo biacco (Hierophis viridiflavus) si godeva il tepore mattutino:

Estate di giri

L'ultima scampagnata mi ha portato nel cuore della Svizzera in una zona dove é facile osservare Vipera berus non lontano da Vipera aspis atra. Malgrado la splendida e calda giornata di agosto, qualche osservazione é stata possibile:

Estate di giri

Sopra e sotto Vipera berus, femmina dai motivi dorsali relativamente grandi

Estate di giri
Estate di giri

Sopra un'altra femmina di Vipera berus e sotto il ritratto di un giovane maschio della medesima specie

Estate di giri

Di seguito una splendida femmina di Vipera aspis atra melanotica, dagli occhi dardeggianti:

Estate di giri

Concludo questo articolo con una bella immagine, in cui si vede una vipera scaldarsi al solo poco lontano da un trafficato sentiero di montagna, in cui la convivenza tra serpente e uomo é possibile, probabilmente possibile fin che l'uomo non si addentra nelle pietraie abitate dalle vipere e la vipera non decide di attraversare il sentiero al momento sbagliato...

Estate di giri

 

 

 

Copyright © Grégoire Meier 2016. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Published by Grégoire Meier
scrivi un commento
13 giugno 2016 1 13 /06 /giugno /2016 09:28

Ci siamo! La bella stagione prende inizio…piove un po' troppo spesso per i miei gusti…o meglio piove nei giorni in cui non dovrebbe piovere per permettermi più giri e osservazioni...

 

Malgrado tutto ho potuto osservare diversi serpenti in piena attività primaverile, che consistono in scaldare il loro corpo, accoppiarsi o per lo meno tentarci, alimentarsi.

 

Qui di seguito vi mostro alcune immagini degli animali che ho incontrato:

Stagione piovosa, ma interessante.

Cucciolo di Colubro di Esculapio (Zamenis longissimus) nato nel 2015, lungo attorno ai 15 cm.

 

 

 

 

 

 

Stagione piovosa, ma interessante.

Femmina di Vipera aspis atra.

 

 

 

 

 

Stagione piovosa, ma interessante.

Alcuni insetti, come questo grillo che ha buttato fuori casa la vecchia pelle, fanno le ultime mute per raggiungere lo stadio adulto e riproduttivo...

Stagione piovosa, ma interessante.

... Rhynocoris iracundus fresco di muta....

 

 

 

 

 

 

 

Stagione piovosa, ma interessante.

...altri insetti si accoppiano...

Stagione piovosa, ma interessante.
Stagione piovosa, ma interessante.

Una femmina di Vipera aspis francisciredi disturbata dalla mia presenza abbandona il manto erboso dove si scalda per rifugiarsi in un buco tra le pietre...

Stagione piovosa, ma interessante.

... prima di rimettersi al sole un quarto d'ora dopo... ma questa volta già in prossimità del so rifugio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stagione piovosa, ma interessante.

Biacco (Hierophis viridiflavus) sub-adulto dalle particolari sfumature bluastre.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stagione piovosa, ma interessante.

Maschio di Philaeus chrysops.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stagione piovosa, ma interessante.

Femmina di ragno che trasporta le sue uova in un "sacco".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Seguono alcuni bei esemplari di Vipera aspis atra, alcuni dalle belle livree melanotiche, cioè tendenzialmente nere con alcune squame rossicce:

 

 

Stagione piovosa, ma interessante.
Stagione piovosa, ma interessante.
Stagione piovosa, ma interessante.
Stagione piovosa, ma interessante.
Stagione piovosa, ma interessante.
Stagione piovosa, ma interessante.

Ho incontrato questo capriolo a cui mancava una zampa posteriore... sorprendentemente era agile e se la cavava bene nella corsa... la voglia di vivere non gli manca!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stagione piovosa, ma interessante.

Bel maschio di Colubro di Esculapio (Zamenis longissimus)... osservato vicino ad una strada mentre un merlo lo "aggrediva"...o forse cercava semplicemente di intimorire il serpente per scacciarlo dalle vicinanze del suo nido

Stagione piovosa, ma interessante.

Concludo questo giro virtuale con questa foto che trovo significativa... Vipera aspis che vive in un muretto che costeggia una strada. Sono ambienti tranquilli, in prossmità dell'uomo. Se in un mureto del genere vive un serpente, non ci causa disturbo. Rispettiamoli e lasciamoli tranquilli, e se un giorno o una sera vediamo un serpente che si scalda sul bordo della strada oppure l'attraversa, freniamo e lasciamolo passare tranquillamente!

Ci guadagneremo tutti, il serpente con la vita, la natura con una ricchezza e biodiversità maggiore e noi...noi semplicemente perché... rispettare la natura e la vita é un dovere.

Stagione piovosa, ma interessante.

Copyright © Grégoire Meier 2016. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Published by Grégoire Meier
scrivi un commento
1 giugno 2016 3 01 /06 /giugno /2016 15:12

La scoperta di nuove specie animali non è sorprendente…quotidianamente nuove entità vengono scoperte e descritte, soprattutto in paesi tropicali, dove la natura è vasta, impenetrabile, inesplorata. Piccoli insetti o animaletti sono annualmente scoperti pure alle nostre latitudini, passati inosservati a causa di una mancanza di ricerca, un disinteresse o un habitat ostile o inusuale. Un animale di una certa grandezza e piuttosto conosciuto che vive in una territorio ben studiato e vien descritto solo nel 2016, ha piuttosto dell’incredibile… eppure nel 2016 possiamo essere felici di aggiungere alle specie di serpenti presenti in Europa una nuova vipera, che vive unicamente in territorio Italiano.

 

Il primo incontro con questa vipera l’ho avuto nel 2012 in compagnia di Matteo Di Nicola. Un esemplare molto giovane. Avevamo notato una squamatura anomala, che non presentava le tre tipiche placche che la Vipera berus solitamente ha sul capo… la cosa è passata per un “difetto” genetico, una malformazione…

La Vipera dei walser (Vipera walser)

Poi un paio di anni fa assieme a Luca Cavigioli, mentre mi mostrava un habitat interessante in cui Vipera berus vive a pochi metri da Vipera aspis, mi sono imbattuto in una vipera… dissi: - “è una berus… no aspetta un’aspis… a no ma bho…però è più berus che aspis…”.

Abbiamo osservato la bestiola che era nettamente più una Vipera berus che una Vipera aspis malgrado alcuni parametri morfologici non quadravano, e abbiamo deciso di raccogliere un campione di saliva da far analizzare per capire se ci fosse la possibilità di un’ibridazione fra le due specie.

Pochi mesi dopo alcuni conoscenti che lavoravano allo studio di questa popolazione di vipere iniziarono a dirci che la studiavano da diversi anni e che presto avremmo avuto una sorpresa.

Vari mesi dopo la notizia… le Vipera berus del Piemonte, non sono delle berus, ma bensì una nuova specie di vipera .

La genetica parla chiaro, queste vipere sono più apparentate al gruppo Vipera kaznakovi, V. dinniki e V. derevskii che non alla Vipera berus.

Ci troviamo quindi di fronte ad un ceppo di vipere caucasiche isolate in una piccola porzione d’Italia.

Considerata Vipera berus, con caratteristiche morfologiche a volte fuori dagli schemi, come ad esempio una frammentazione e irregolarità delle squame cefaliche, nessuno aveva pensato che si separasse tanto da quella specie. La genetica evidenzia certe differenze non sempre espresse in modo chiaro da caratteri fisici e morfologici.

Gli habitat di questa vipera sono sparsi nella zona alpina del Piemonte, varie valli e montagne in cui le popolazioni montane dei Walser vissero e vivono tutt’ora, da qui il nome dato a questa vipera, Vipera walser.

La descrizione di una nuova specie di vipera porta a varie riflessioni… alcune entusiasmanti, che danno nuovi stimoli a capire l’interazione tra le varie popolazioni di vipere, eventualmente capire le dinamiche di convergenze evolutive, di suddivisione delle nicchie ecologiche tra le varie specie, l’avanzamento o il regresso di alcune popolazioni o specie di vipere a favore o a discapito di altre.

Altre riflessioni sono più delle preoccupazioni… la ridotta zona in cui Vipera walser vive e eventuali manovre da attuare per tutelarla, la preoccupazione di un bracconaggio da parte di appassionati e collezionisti poco scrupolosi (allevo pure io serpenti, ma un commercio speculativo mi spaventa assai).

Il futuro ci dirà come appassionati, scienziati, popolazione locale e gli enti governativi gestiranno la cosa, ma sono fiducioso, non tanto nell’essere umano, ma nelle risorse della natura.

 

Vi lascio con qualche immagine di Vipera walser:

La Vipera dei walser (Vipera walser)
La Vipera dei walser (Vipera walser)
La Vipera dei walser (Vipera walser)
La Vipera dei walser (Vipera walser)
La Vipera dei walser (Vipera walser)

Copyright © Grégoire Meier 2016. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Published by Grégoire Meier
scrivi un commento
11 maggio 2016 3 11 /05 /maggio /2016 13:27

La natura non deve limitarsi a severi concetti biologici, ma deve lasciare, a volte, trasparire l’emozione.

Nelle seguenti righe non vi presento Vipera ammodytes, ma cercherò di esprimere l'emotività di questo incontro.

 

Vipera ammodytes ruffoi, sottospecie non più riconosciuta e assorbita dalla nominale, ma i nostalgici e i sentimentalisti, per designare le vipere dal corno della zona di Bolzano, usano ancora il termine di ruffoi, quindi non arrabbiatevi se spesso le nominerò amichevolmente col nomignolo di ruffoi.

Tali animali, fondamentalmente, si differenziano poco da quelli che si possono incontrare in Friuli. Un corpo dal colore grigio chiaro, a volte quasi bianco, percorso da un prepotente zigzag scuro che corre su tutta la lunghezza della schiena. Sulle femmine il motivo dorsale è un po’ più tenue.

Se nel Friuli gli habitat sono cosparsi da pietre calcaree bianche, che giustificano una colorazione del genere, nella zona di Bolzano ci si trova sul porfido, rosato-violaceo… Il ciottolato che calpestiamo in molte città, tanto per intenderci!

Nelle sassaie ai margini del bosco, dove la vipera vive, i licheni chiari coprono parte delle pietre, le foglie secche, sbiadite dalla pioggia e dal sole, si accumulano tra le rocce… da qui il mimetismo vincente della ruffoi.

Negli anni passati ero stato un paio di volte nella zona con la speranza di osservare questo elusivo serpente, senza successo. Si parla di una rarefazione della specie causata da terrariofili che negli anni 70-80-90 si recavano nei loro habitat per catturarle…forse una cattiva conoscenza delle abitudini di questo serpente sommati ad una conformazione poco gradevole da percorrere e difficile-pericolosa da visitare fanno si che non venga osservato con abbondante regolarità.

Questa primavera ci ho ritentato in compagnia di un amico, Luca Cavigioli. La ricerca è stata intensa, abbiamo percorso svariate centinaia di metri di pietraie, cercando di capire come “funzionano” questi animali, cercando il microhabitat che ci pareva più idoneo…ma come dicevamo tra di noi… ragioniamo come delle "aspis alpine"…e forse tali concetti non sono applicabili alle "ammodytes di Bolzano".

Poi ad un tratto, mentre eravamo stanchi per le lunghe camminate che ci portavano nelle pietraie potenzialmente favorevoli e affaticati dall’esplorazione di tali habitat, demoralizzati e ormai poco fiduciosi, Luca scorge un giovane maschio… l’impatto è notevole, un corpo bianco con motivo dorsale nero. Lo ammiriamo, contenti di avere avuto il privilegio di incontrare un animale così bello, elegante, elusivo e fiero. La soddisfazione è stata enorme ed eravamo pienamente appagati.

Questo primo incontro ci ha illuso, ci siamo detti che ora che avevamo avuto la fortuna di imprimere la bestiola nella nostra testa sarebbe stato più facile scorgerne altre…. Ma eravamo pure coscienti che il fatto di averne vista una era già molto…che il viaggio era stato coronato alla grande!

L’energia ci è quindi tornata e abbiamo percorso altre pietraie dove ad un certo punto un secondo maschio di Vipera ammodytes ci osserva. Due ruffoi nel giro di poche ore! Siamo entusiasti, osserviamo questo animale, ne ammiriamo le sfumature rosate dei fianchi, il colore dell’occhio che si sfuma, dettagli quasi impercettibili che possono essere colti solo una volta che si è superato l’impatto del disegno nero che spacca il candore del corpo. Mentre fotografiamo questa vipera, un bel maschio chiaro di ruffoi, probabilmente alla ricerca di una femmina, striscia a pochi metri da noi! Siamo increduli!

Il giorno dopo ripartiamo a percorrere le pietraie con l’idea di osservare altre vipere, magari una femmina, se c’è fermento tra i maschi, probabilmente le femmine sono poco lontane. Ore di pietraie infruttuose… quando ad un tratto ci si materializza una vipere davanti ai piedi. Malgrado la loro colorazione apparentemente spavalda, sono difficili da individuare nell’ambiente e si fanno vedere solo se si ha la fortuna di passare gli occhi su di loro.

Dopo alcuni scatti a questo quarto maschio di ruffoi, decidiamo di sostare un po’ nei pressi del luogo in cui abbiamo visto il giorno precedente il maschio che circolava sui sassi. La nostra speranza è di osservare un comportamento interessante, un incontro tra maschi, un accoppiamento, ma anche semplicemente un altro individuo. La quiete di queste pietraie isolate ci regala la visita di una martora…. Lei è arrivata a 5 metri da noi, ci ha guardato un po’ perplessa e sorpresa prima di sparire fulminea nella boscaglia… una incontro veramente particolare!

Dopo alcune ore il bel maschio ruffoi del giorno prima si rifà vedere poco lontano da dove lo avevamo incontrato in precedenza, lo ammiriamo di nuovo per qualche minuto prima di abbandonare le pietraie, colmi di emozione per avere avuto il privilegio di incontrare questo serpente quasi leggendario! Malgrado queste osservazioni, siamo coscienti di non aver capito a fondo queste vipere che saranno sempre accompagnate da un alone di mistero. Sono delle “semplici” Vipera ammodytes ammodytes…con una parte di mistero, che le rendono… ruffoi.

 

 

Vi lascio qualche fotorafia di questi splendidi animali:

Vipera ammodytes ruffoi
Vipera ammodytes ruffoi
Vipera ammodytes ruffoi
Vipera ammodytes ruffoi
Vipera ammodytes ruffoi
Vipera ammodytes ruffoi
Vipera ammodytes ruffoi
Vipera ammodytes ruffoi
Vipera ammodytes ruffoi
Vipera ammodytes ruffoi
Vipera ammodytes ruffoi

Copyright © Grégoire Meier 2016. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Published by Grégoire Meier
scrivi un commento

Presentazione

  • : Serpenti del Ticino
  • Serpenti del Ticino
  • : Punto di incontro per gli amanti dei serpenti o solo per chi è curioso di conoscerli.
  • Contatti

Contattarmi

Se volete contattarmi, per informazioni o per identificare un serpente che avete osservato, mandatemi pure una mail al seguente indirizzo: 

info@serpenti-del-ticino.com

oppure chiamate o mandate una foto al:

077 425 68 37

Cerca