Monday 1 september 2014 1 01 /09 /Set /2014 10:45

Anche quest’anno l’estate sta finendo…. fosse mai cominciato!!

Quest’anno la stagione è stata piuttosto catastrofica dal punto di vista meteorologico, per cui le giornate che ho potuto dedicare all’osservazione di serpenti sono state relativamente poche.

Il vantaggio delle numerose giornate piovose è stato che nei pochi giorni assolati, o nelle poche ore di sole, tutti i rettili che avevano la necessità di scaldarsi, si mettevano allo scoperto.

Ora, se settembre e ottobre restano sereni e con temperature decenti, molti serpenti potranno mangiare le ultime prede della stagione, le femmine gravide potranno mettere al mondo i piccoli e dalle uova deposte usciranno serpentelli che avranno il tempo di trovare un posto ideale e riparato dal gelo per superare l’inverno.

Vi lascio con le osservazioni estive che ho fatto, sperando di potervi poi proporre un altro articolo con alcune osservazioni autunnali!


 

Estate-2014--2 0066 copia

Un bel ramarro (Lacerta bilineata).


 

Estate-2014--2 1588 copia

Vipera aspis atra, femmina. Nella foto sotto, medesimo esemplare nel suo ambiente.

Estate-2014--2-0102-copia


 

Estate-2014--2 0133 copia

Esemplare maschio, osservato a pochi metri dalla femmina precedente. Nella foto sotto, pure lui fotografato nel suo habitat.

 

Estate-2014--2 0114 copia


 

 

Estate-2014--2 0142 copia

Questi ambienti sassosi danno rifugio anche alle Poliste.


Estate-2014--2 0154 copia

 

 

 

 

Per una giornata mi sono spostato in Piemonte, dove ho avuto la fortuna di osservare diversi marassi (Vipera berus).

 

Estate-2014--2 0004

Giovane femmina con preda nello stomaco.


 

Estate-2014--2 2335

Altra femmina di Vipera berus.

 

Estate-2014--2 2415

Qui un maschio in muta nascosto tra i mirtilli.

 

Estate-2014--2 2495

Ritratto del Marasso precedente.

 

Estate-2014--2 2308

Esemplare femmina.

 

Estate-2014--2 2137 copia

L'habitat piemontese della Vipera berus da rifugio pure a Euscorpius alpha...


 

Estate-2014--2 2097

... e alla Coronella austriaca.

 

 

 

Tornando in Ticino...

 

Estate-2014--2-0038-copia

... Zamenis longissimus prosimo alla muta aprofitta di una schiarita per scaldarsi.

 

 

 

Pure numerosi insetti e ragni si godono le schiarite:

 

Estate-2014--2 1399 copia

 

Estate-2014--2 1411 copia

 

Estate-2014--2 1418 copia

 

Estate-2014--2 1461 copia

 

Estate-2014--2 1448 copia

 

Estate-2014--2 1471 copia

 

Estate-2014--2 1424 copia

 

Estate-2014--2 1467 copia

 

 

Gli insetti, come i serpenti, sono soggetti al processo di muta... immagine poetica per l'uomo, che ne vede una forma di rinascita, come se si lasciasse alle spalle il passato... pura esigenza fisiologica di questi animali, costretti ad una stressante vulnerabilità durante queste fasi della loro vita.

 

Estate-2014--2 1485 copia 2

 

 

 

 

Ho dedicato un giorno di ricerche nel vicino Grigioni italiano:

 

Estate-2014--2 0220 copia

 

Lucertola vivipara (Zootoca vivipara), femmina gravida, nella foto seguente ripresa nel suo habitat alpino.

Estate-2014--2 0210 copia

 

Il medesimo ambiente é abitato dalla Vipera berus, vi propongo alcune immagini di una splendida femmina gravida che ho osservato:

 

Estate-2014--2 1800 copia

 

Estate-2014--2 1824 copia

 

Estate-2014--2 0174 copia

 

Estate-2014--2 1821 copia

 

Estate-2014--2 0170 copia

Ultima immagine... con insetto molesto!

 

 

 

Scendendo di quota in confronto a dove ho osservato il Marasso e la Lucertola vivipara mi sono imbattuto in un Biacco (Hierophis viridiflavus) che si scaldava su di una roccia tiepida malgrado piovviginasse un pochino. Anche in questo caso l'esemplare é prossimo a dover "cambiare pelle".

 

Estate-2014--2 0266 copia

 

Estate-2014--2 0258 copia

Occhio opaco del Biacco prossimo alla muta.


 

 

 

Estate-2014--2 0238 copia

Poco distante ho potuto vedere questo bel maschio di Colubro di Esculapio (Zamenis longissimus). Oltre ad avere dimensioni ragguardevoli, prossime ai 160 centimetri, mi ha affascinato la sua livrea tendente al grigio con splendidi riflessi azzurri.

Estate-2014--2 0237 copia

 

 

 

Estate-2014--2 1941 copia

Cicindela hybrida splendido coleottero predatore che contrasta notevolmente con...

 

Estate-2014--2 1994 copia

... questa inquietante larva di Reduvius personatus, altro predatore che allo stadio larvale ricopre il proprio corpo con polvere, sabbia o altro, per mimetizzarsi alla perfezione.


 

 

Estate-2014--2 0270 copia

Purtroppo mi sono imbattuto anche in vari serpenti schiacciati sulle strade. Non sempre é possibile vederli e/o evitarli, ma ho purtroppo potuto constatare che c'è chi devia la traettoria dell'auto o della moto per passarci sopra volontariamente...atto incivile e vigliacco, probabilmente perpetrato da chi (se le ha) ha delle gonadi atrofizzate. (Scusate, ma a volte é bene anche polemizzare un po').

Nella foto sopra si può ben capire l'impatto che può avere un tale gesto. La Natrix natrix morente era piena di uova (uno lo si vede alla destra dell'immagine), quindi con l'eliminazione di questo individuo abbiamo perso anche la sua progenitura. 

 

 

 

Come anticipato all'inizio, in queste settimane i serpenti ovovivipari metteranno al mondo i piccoli, e le uova deposte alcune settimane fa si schiuderanno. Nella seguente foto vi é un neonato di Vipera aspis francisciredi (femmina nata in cattività nel mio allevamento), da notare quanto sia piccola messa vicino ad un centesimo di Euro:

 

Estate-2014--2 2822 copia

 

 

 

Qui sotto possiamo invece assistere alla schiusa dell'uovo di un Colubro di Esculapio (Zamenis longissimus) sempre del mio allevamento:

 

Estate-2014--2 2721 copia

 

 

 

Vi lascio con le foto scattate durante il mio ultimo giretto fatto in agosto che mi ha permesso di scovare, tra una pioggerella e l'altra, tre maschi di Vipera aspis atra:

 

Estate-2014--2 0085 copia


 

Estate-2014--2-0097-copia

 

 

Estate-2014--2 0183 copia


 

Copyright © Grégoire Meier 2014. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto. 

Di Grégoire Meier
Scrivi un commento - Vedi 1 commenti
Monday 23 june 2014 1 23 /06 /Giu /2014 11:08

Malgrado le scampagnate all’estero, ammetto che è sempre un grande piacere girovagare per le nostre valli! In Ticino abbiamo la fortuna di trovare molti ambienti relativamente intatti, anche se non totalmente incontaminati, vista la tangibile presenza umana. I rettili, ma molti altri animali riescono ad adattarsi relativamente bene agli ambienti trasformati e lavorati dall’uomo, a patto che vi sia comunque un equilibrio favorevole e propizio alla vita naturale.

Se pensiamo agli alpeggi montani, in cui l’uomo è costretto a seguire il ritmo delle stagioni oppure agli alpeggi non più in uso, ma diventati oasi di pace domenicale per una grigliata… sono paesaggi e ambienti che se trattati col dovuto rispetto naturalistico e rispetto nei confronti delle generazioni passate, che con sofferenza e fatica hanno modellato le montagne per renderle un filo meno ostili e meno dure… Per fortuna malgrado i probabili secolari tentativi, le vipere non sono scompare da questi posti!

 

Vi lascio con qualche scatto fatto con gli incontri che ho avuto la fortuna di fare in questo ultimo periodo primaverile.


 

estate-1-2014-0123-copia

Vipera aspis atra, femmina. Questo, e altri individui vivono in un corridoio di valanga rinforzato dall'uomo per incanalarla.


 

estate-1-2014 0431 copia

Giovane Vipera aspis atra, maschio.


 

estate-1-2014 0025 copia

Natrix natrix. Esemplare melanico privo di disegni dorsali, con riflessi blu. Peccato che fosse in muta, per cui opaca...altrimenti avrebbe esibito una livrea da capogiro!

 

estate-1-2014 0055 copia


 

estate-1-2014 0034 copia 2

Hierophis viridiflavus.

 

estate-1-2014 0080 copia

Nido di vespe, quasi artistico.

 

estate-1-2014 0105 copia

Splendido maschio di Vipera aspis atra.

 

estate-1-2014 0112 copia


 

estate-1-2014 0519 copia

Vipera aspis atra, femmina.


 

estate-1-2014 0038 copia

Splendido orbettino (Anguis), maschio.


 

estate-1-2014 0641 copia

Lacerta bilineata.

estate-1-2014 0676 copia

Esemplare giovane della medesima specie dei precedenti.


 

estate-1-2014-0004-copia

Grande maschio di Coronella austriaca.

estate-1-2014 0473 copia

 


 

estate-1-2014 0732 copia

Vipera aspis atra, femmina dal motivo dorsale "puntinato" e non tipico.

 

estate-1-2014 0537 copia

Esemplare maschio della medesima popolazione della femmina precedente.


 

estate-1-2014 0089 copia

Rhagium inquisitor inquisitor (Grazie Claudio!!)

 

estate-1-2014-0096-copia

Rana temporaria e "suoi" girini.

 

estate-1-2014 1153 copia

 

estate-1-2014-0018-copia-2

Vipera aspis francisciredi in alpeggio ormai diventato... casa di vacanza.

 

estate-1-2014 0016 copia

Medesimo esmplare in cui si vede l'occhio opaco, segno che é in muta.

 

 

estate-1-2014 1200 copia

Atypus, ragno dei nostri prati.


 

estate-1-2014 0385 copia

Orbettino maschio...canton Grigioni.


 

estate-1-2014 0066 copia

Hierophis viridiflavus.


 

estate-1-2014 0093 copia

Coronella austriaca 

 

 

estate-1-2014 1068 copia

Drosera rutundifolia...mi affascinano sempre queste piante...difficili da fotografare decentemente per me!

 

estate-1-2014 1089 copia

Predatori passivi...

estate-1-2014 1140 copia

...ma efficaci!


 

estate-1-2014 0085 copia

Grosso Colubro di Esculapio (Zamenis longissimus), Canton Grigioni. Esemplare notevole che misura cm 180! Per gli scettici... anche se non nel mio stile metto la foto seguente... in cui mi si vede con lui, per avere un'idea del bestione.

estate-1-2014-0074-copia-copia-1

 

estate-1-2014 0129 copia

Aquilegia.


 

estate-1-2014-0119-copia

Splendida femmina di Vipera aspis atra dalla livrea nera con labiali rossastre.

 

estate-1-2014-0159-copia

Vipera aspis atra femmina dai motivi dorsali relativamente marcati e contrastati.


 

 

Termino con la foto di una splendida vipera che ho scovato in uno dei miei posti preferiti ad una quota di quasi 1900 metri.

estate-1-2014-0074-copia

Sarà anche un po' di campanilismo da parte mia...ma le nostre vipere sono le più belle!!

estate-1-2014 0928 copia

 

estate-1-2014 1029 copia

 

 

Copyright © Grégoire Meier 2014. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto. 

 


Di Grégoire Meier
Scrivi un commento - Vedi 4 commenti
Wednesday 28 may 2014 3 28 /05 /Mag /2014 14:25

Solitamente ogni anno organizzo qualche giorno di osservazioni in Ticino oppure in Vallese con l’amico Yves. Quest’anno abbiamo deciso di cambiare aria e ci siamo diretti nella Penisola Balcanica, più precisamente in Montenegro.

 

Montenegro-2014-0742-copia


L’area balcanica è ricca di rettili e anfibi. L’influenza mediterranea unita a quella continentale e la grande diversità degli ambienti fa sì che vi possiamo osservare specie prettamente mediterranee, ma pure specie più montane e continentali.

Noi ci siamo limitati a perlustrare alcune zone costiere, con una scappatina sulle rive del lago Skutari.

Devo riconoscere che per me, abituato a cercare vipere nelle Alpi, è stato piuttosto dirottante dover perlustrare prati pianeggiati cosparsi di cespugli, stagni, e piccoli corsi d’acqua, in riva al mare per trovare vipere e altri serpenti.

 

Montenegro-2014 0768 copia

 

Tra me e me sorridevo pure all’idea di immaginare quanti vacanzieri avrebbero, da qui a poche settimane, invaso le spiagge e magari pure passeggiato sulle stradine sterrate in ciabattine (magari pure senza quelle visto che alcune zone sono frequentate anche da naturisti), proprio dove noi cercavamo serpenti.

 

Montenegro-2014 0440 copia

 

Come detto l’habitat in riva al mare è pianeggiante e relativamente umido, e come succedeva da noi fino a pochi decenni orsono, questi ambienti considerati insalubri, vengono usati per portarvi rifiuti, per cui ci siamo imbattuti in varie “discariche” in cui si trovava un po’ di tutto…dalle bottiglie in vetro a quelle in pet, da mobili a vestiti, da materiale edile a rifiuti domestici. Curiosamente, ma non troppo, questi ambienti ospitavano un certo numero di rettili. Le vecchie assi offrono un buon riparo, caldo e umido, per serpenti che devono cambiare la pelle, e come ogni discarica, offre probabilmente riparo a un buon numero di roditori, potenziali prede dei serpenti.

 

Montenegro-2014 0326 copia


Speriamo che con l’aumento del turismo diretto alle spiagge del Montenegro, il governo si mobiliti per ripulire la natura e organizzarsi con un buon sistema per lo smaltimento dei rifiuti.

 

Uno dei primi serpenti che abbiamo avvistato é stato un Hierophis gemonensis, che potremmo mettere in parallelo al nostro Hierophis viridiflavus, cioè un colubro svelto, mordace e vivace. Ne abbiamo visti vari esemplari.

 

Montenegro-2014 8606 copia

 

 

Montenegro-2014 0485 copia

 

Montenegro-2014 8562 copia

 

Montenegro-2014 9316 copia

 

Montenegro-2014 9744 copia

Questo é un esemplare piccolo, probabilmente nato nel 2013.

 

Montenegro-2014 9881 copia

Questo Hierophis gemonensis era pronto a difendersi...

Montenegro-2014 9873 copia

...in modo convincente.


 

 

Nel medesimo habitat abbiamo scovato un Colubro di Esculapio (Zamenis longissimus).

 

Montenegro-2014 8468 copia

Zamenis longissimus

 


Durante le nostre perlustrazioni ci siamo imbattuti in varie Testudo hermanni, sempre molto belle da vedere in natura, mentre si spostano, mangiano e cercano di passare inosservate.

 

Montenegro-2014-0127-copia

 

Montenegro-2014 0166 copia

Questa non sembra particolarmente infastidita dai rifiuti!

 

Montenegro-2014-0426-copia

 

Montenegro-2014-0575-copia

 

Montenegro-2014 0623

Questa brucava in un cimitero...

 

Montenegro-2014 0673 copia

...mentre questa attraversava una strada di montagna.

 

 

 

Uno dei serpenti più impressionanti che abbiamo incontrato é sicuramente il Dolichophis caspius, possente e grande colubro! Tutti gli esemplari ossevati erano in muta, per cui la loro colorazione opacizzata dal liquido che viene a crearsi tra la nuova e la vecchia pelle non ci ha lasciato ammirare appiene la loro bellezza. 

 

Montenegro-2014 9224 copia

 

Montenegro-2014 9231 copia

 

Montenegro-2014 0474 copia

 

Montenegro-2014 8996 copia


 

Non sono mancati gli incontri con alcuni invertebrati, sempre gradevoli da osservare.

 

Montenegro-2014 0539 copia

C'è chi caccia...

 

Montenegro-2014 0136 copia

... chi mangia...

 

Montenegro-2014 0304 copia

...  mentre altri si accoppiano...

 

Montenegro-2014 0331 copia 2

...e chi mangia ancora...

 

Montenegro-2014 9468 copia

 

Montenegro-2014 0314 copia


 

Montenegro-2014 0174 copia 2

Quasi sotto ad ogni sasso ci siamo imbattuti in esemplari di Scolopendra cingulata.

 

 

Montenegro-2014 0543 copia

Cetonia

 

Montenegro-2014 0017 copia

Lethocerus patruelis


 

Montenegro-2014 9915 copia

Morimus funereus

 

Montenegro-2014 9973 copia

 

 

 

Montenegro-2014 9799 copia

Steatoda paykulliana, (esemplare femmina) un piccolo ragno dalla brutta reputazione...comunemente chiamato "vedova nera". Questo ragno é molto discreto e poco agressivo. 

 

 

Tornando ai serpenti, é con molta soddisfazione che abbiamo potuto osservare alcuni esemplari di Malpolon insignitus, serpente opistoglifo, cioé un colubro con dei denti veleniferi posti nella parte posterriore della mascella. Anche questo é un serpente piuttosto vivaee, attento e mordace.

Il primo era in muta, mentre il secondo presentava la splendida livrea degli esemplari giovani.

 

Montenegro-2014 8186 copia

 

Malpolon insignitus, in muta .

 

Montenegro-2014 8105 copia

 

 

Il seguente Malpolon insignitus ci mostra tutto il suo splendore:

 

Montenegro-2014 8544 copia

 

Montenegro-2014 8503 copia

 

Montenegro-2014 0269 copia

 

Montenegro-2014 8484 copia

 


 

Le osservazioni di sauri non sono mancate! Gli orbettini sono piuttosto comuni, mi limito citarlo come Anguis, in quanto non sono bene in chiaro su come siano stai  suddivisi tr specie e sottospecie...

 

Montenegro-2014 9082 copia


 

Altre lucertole sono state le Podarcis siculus:

 

Montenegro-2014 0434 copia

 

Montenegro-2014 0090 copia

Maschio

 

Montenegro-2014 0095 copia

Femmina


 

Montenegro-2014 0288 copia

Altre Podarcis (forse muralis)

 

Montenegro-2014 0632

Algyroides nigropunctatus


 

Montenegro-2014 0334 copia

Lacerta trilineata, molto simile al nostro ramarro (Lacerta bilineata), ma un po' più grande.

 

 

Montenegro-2014 8433 copia

Hemidactylus turcicus

 

 

Termino le la zona lucertole con un altro sauro sprovvisto di zampe...molto simile all'orbettino ma nettamento più grande. Lo Pseudopus apodus:

 

 

Eccone uno nel suo habitat:

Montenegro-2014 0585 copia

 

 

Qui lo si vede meglio:

Montenegro-2014 0308 copia

 

Montenegro-2014 0360 copia

 

Montenegro-2014 0379 copia

 

Montenegro-2014 0657 copia

 

Montenegro-2014 0378 copia

 

 

 

Tra tutti i rettili che abbiamo incrociato, sicuramente quelli più abbondanti sono state le Natrix, sia Natrix natrix che Natrix tessellata. La zona del lago Skutari ospita molti di questi colubri, ma pure la zona paludosa verso la costa del mare.

 

Ecco alcune delle Natrix tessellata che abbiamo visto:

 

Montenegro-2014 0017 copia-copia-1

 

Montenegro-2014 0074 copia

 

Montenegro-2014 0150 copia

 

Montenegro-2014 0295 copia

 

Montenegro-2014 0704 copia

 

Montenegro-2014 0331 copia

 

Montenegro-2014 0125 copia

 


 

Le natrici dal collare appartengono ad un'altra sottospecie che quelle che possiamo trovare in Ticino. Sono le Natrix natrix persa, che presentano spessissimo due linee longitudinali lungo la schiena:

 

Montenegro-2014 0108 copia

 

Montenegro-2014 9107 copia

 

Montenegro-2014 0456 copia

 

Montenegro-2014 9168 copia

 

Montenegro-2014 9061 copia 2

 

 

I territori umidi danno riparo anche a numerosi anfibi, tra cui rane, rospi e tritoni:

 

Montenegro-2014 8337 copia

 

Montenegro-2014 8343 copia

 

Montenegro-2014 0252 copia

Bufo bufo spinosus

 


 

Montenegro-2014 0031 copia

 

Lissotriton vulgaris graecus

 

Montenegro-2014 0048 copia

 


 

Gli ambienti che abbiamo visitato, la loro flora, i paesaggi sono incantevoli e affascinanti.

 

Montenegro-2014 0234 copia

 

Montenegro-2014 0348 copia

 

Montenegro-2014 0613 copia

 

 

 

Colline di melograni:

Montenegro-2014 0339 copia

 

Montenegro-2014 0593 copia

 

Montenegro-2014 0338 copia

 

Montenegro-2014 0619

 

Montenegro-2014 0707 copia

 

Montenegro-2014 0235 copia

 

Montenegro-2014 0713 copia

 

Montenegro-2014-0724-copia-2

 

Montenegro-2014 0658 copia

 

Montenegro-2014-0680-copia

 

Montenegro-2014 0763 copia

 

 

 

Uno dei serpenti più eleganti e affascinanti che possiamo trovare in Europa é sicuramente il Cervone (Elaphe quatuorlineata). Di mole possente, é un serpente docile e raramente morsica per difendersi. La livrea dei giovani esemplari é molto diversa di quella che presentano gli esemplari adulti, sembrerebbero due spceie diverse.

 

Ecco un paio di giovani Cervoni:

 

Montenegro-2014 0158 copia

 

Montenegro-2014 0178 copia

 

Montenegro-2014 9611 copia

 

Montenegro-2014 0221 copia

 

Montenegro-2014 9597 copia

Uno di questi due cuccioli di Elaphe quatuorlineata lo abbiamo osservato nelle vicinanze di una tettoia sotto la quale nidificavano diverse decine di rondini, e non fu sorprendente poter vedere la leggera gobba presente nello stomaco del serpente che aveva appena mangiato un uovo.

Montenegro-2014 0057 copia


 

L'adulto del Cervone é tutt'altra cosa:

 

Montenegro-2014 9450 copia

 

Montenegro-2014 9558 copia

 

Montenegro-2014 9486 copia

 

Montenegro-2014 9517 copia

 

 

 

Nel Montenegro si possono osservare tre specie di Vipera, la Vipera ursinii, la Vipera berus e la Vipera ammodytes. Noi ci siamo limitati a cercare  la Vipera ammodytes, mentre per poter vedere le altre due specie avremmo dovuto inoltrarci in montagna e un po' nell'entroterra. Sono stato felice di poter osservare questa vipera nel suo ambiente naturale, in quanto allevo vari esemplari originari proprio dalla zona di Scutari.... denominazione diventata ormai di moda nel mondo terrariofilo, proprio per la bellezza degli animali di questo territorio.

Termino il lasciandovi alcune foto degli esemplari osservati:


Montenegro-2014 8845 copia

Esemplare maschio.

Montenegro-2014 0386 copia


 

Montenegro-2014 8293 copia

Femmina

Montenegro-2014 8245 copia

 

Montenegro-2014-0214-copia


 

Montenegro-2014 8399 copia

Un esemplare giovane, lungo poco più di 20 cm.

 

Montenegro-2014 8374 copia

 

 

Montenegro-2014 8684 copia

Femmina

 

 

Montenegro-2014 9650 copia

Malgrado un certo contrasto, tipico dei maschi, pure questa é femmina.

Montenegro-2014 9718 copia


 

Montenegro-2014 8952 copia

E in fine questa splendida femmina che aveva appena mangiato una preda.

Montenegro-2014 0406 copia

 

Montenegro-2014 8908 copia

 

Montenegro-2014 8961 copia

 

 

 

Copyright © Grégoire Meier 2014. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto. 


 

Di Grégoire Meier
Scrivi un commento - Vedi 2 commenti
Monday 12 may 2014 1 12 /05 /Mag /2014 16:14

 

marocco-13-paesaggi 7987 copia

 

Nelle scorse settimane ho avuto l’occasione di trascorrere alcuni giorni in Marocco alla ricerca di serpenti.

La fauna del Marocco ha la particolarità di avere da una parte, delle influenze europee… la Spagna è vicinissima e millenni fa era attaccata al continente africano, dall’altra parte l’influenza del proprio continente è pure visibile. La desertificazione gli ha tagliato alcuni contatti col continente nero e le Colonne di Ercole lo separano dall’Europa.


marocco-13-paesaggi 0206 copia 

 

Gli ambienti sono stati, per certi versi, differenti da quello che mi aspettavo… non avrei pensato di farmi mangiare così tanto dalle zanzare. È chiaro che dove c’è acqua c’è vita… e se uno cerca serpenti, cerca in zone dove chiaramente questi rettili possono vivere e nutrirsi, per cui è logico che in un modo o nell’altro c’era dell’acqua. Il Marocco offre comunque una diversità ambientale notevole, si passa dal mare, ai fiumi, ai laghi, al deserto per poi raggiungere le cime innevate della catena montuosa dell’Atlante (alcune delle vette superano i 4000 metri).

 

marocco-13-paesaggi 0066 copia


Da appassionato di vipere europee, il sogno nel cassetto era quello di poter osservare la Vipera monticola, piccola vipera endemica delle montagne dell’Atlante, che non supera i 40 cm di lunghezza.

Questo serpentello era classificato come sottospecie della Vipera latastei, tipica della penisola Iberica, fino alla metà degli anni ’80, prima di essere elevata a specie.

Abbiamo cercato questa vipera in un habitat situato attorno ai 2800 metri di quota, habitat roccioso e cosparso di arbusti/cespugli spinosi. La fortuna ha voluto che abbiamo potuto osservare un maschio e una femmina.

 

Marocco-11-monticola 6616 copia

Vipera monticola, femmina.

 

Marocco-11-monticola 6871

Vipera monticola, maschio.


 

Marocco-11-monticola 0136 copia

 

Marocco-11-monticola 6631 copia

 


 

Il Marocco è pure famoso per le sue Natrix maura… i loro colori sono spettacolari, passano dai grigi, agli esemplari più attraenti che sono aranciati. Fino ad ora avevo visto solo pochi esemplari svizzeri di questo colubro, esemplari piuttosto anonimi nella colorazione. Visti quelli marocchini, ammetto che ho capito perché il nome popolare di questo serpente è Natrice viperina! Il suo comportamento e la sua livrea possono veramente portare a confusione.

 

Marocco-3-natrix 0850 copia

 

Marocco-3-natrix 6953

 

Marocco-3-natrix 6992 copia

 

Marocco-3-natrix 0855 copia

 

Marocco-3-natrix 0949 copia

 

Marocco-3-natrix 7971 copia

 

Marocco-3-natrix 0977 copia

Facessimo astrazione all'ambiente e alla latitudine, guardando velocemente questa ultima foto non potremmo scambiarla per una vipera? 

 

 

 

Uno dei serpenti più comuni in Marocco è il Colubro ferro di cavallo (Hemorrhois hippocrepis). Questo serpente dal carattere battagliero ha un’eleganza notevole ed è un altro di questi rappresentanti presente pure sul nostro continente.

 

Marocco-8-Hemorrhois-hippocrepis 7449 copia

 

Marocco-8-Hemorrhois-hippocrepis 0823 copia


Marocco-8-Hemorrhois-hippocrepis 7994 copia

 

Marocco-8-Hemorrhois-hippocrepis 0440 copia


 

 

Perlustrando una zona desertica, nella vana ricerca di vipere del deserto, ci siamo imbattuti in un Psammophis schokari. Il suolo colore era perfettamente adatto a passare inosservato nei cespugli disseminati nella zona. Se i ricordi non mi tradiscono…ho avuto modi di incontrare questo serpente da bambino durante delle vacanze in Tunisia. In una specie di zoo un tizio me ne aveva messi attorno al collo una decina.

 

Marocco-6-Psammophis-schokari 0621 copia

 

Marocco-6-Psammophis-schokari 0627 copia

 

Marocco-6-Psammophis-schokari 7739 copia

 

Marocco-6-Psammophis-schokari-0608-copia

 

 

Abbiamo potuto osservare anche un serpente molto bello ed elegante … forse un Hemorrhois?

 

Marocco-7-testa-nera-marcroprotodon- 0561 copia

 

Marocco-7-testa-nera-marcroprotodon- 7611 copia

 

Marocco-7-testa-nera-marcroprotodon- 7616 copia

 


 

Il tempo mi manca terribilmente per poter dare un nome veramente corretto, e onestamente pure i mezzi e le conoscenze per certi versi sono un po’ lacunosi…per cui mi limito a dire che probabilmente questo serpentello (che mi ricordava un po’ una coronella con testa nera) è un Macroprotodon…non mi sbilancerei oltre per il momento!

 

Marocco-5-Macroprotodon-abubakeri 8024 copia

 

Marocco-5-Macroprotodon-abubakeri 8038 copia

 

Marocco-5-Macroprotodon-abubakeri 0912 copia

 

Marocco-5-Macroprotodon-abubakeri 8026 copia

 


 

Sono stato molto felice di poter vedere dal vivo uno Spalerosophis, probabilmente Spalerosophis dolichospilus. Gli Spalerosophis hanno una vasta area di distribuzione e sono divisi in varie specie. I loro motivi (specialmente quelli della testa) sono a volte simili alle livree delle vipere presenti nel loro areale, per cui é probabilmente una forma di mimetismo...si fanno passare per pi?u pericolosi di quel che non sono realmente. Questo serpente mi ha sempre affascinato e sono stato sorpreso dell'indole docile dello splendido esemplare trovato.

 

Marocco-4-Spalerosophis-diadema 7539

 

Marocco-4-Spalerosophis-diadema 7550

 

Marocco-4-Spalerosophis-diadema 7568

 

Marocco-4-Spalerosophis-diadema 7563

 

 

 

 

Le nostre ricerche sono state mirate, diverse volte, alla ricerca di cobra, di Daboia mauritanica e di Bitis arietans… senza grande successo, tranne spiacevoli incontri di diversi esemplari morti sulle strade.

 

Marocco-9-arietans-0534-copia

 

Marocco-9-arietans 0467 copia

 

Questa giovane Bitis agonizzava sulla strada, la parte posteriore del corpo schiacciata da una bicicletta o una moto. Mentre la analizzavamo per capire quante probabilità di sopravvivenza avesse, in un disperato gesto, forse dettato da muovimenti convulsi e inconsci, mordeva il gancio che avevamo usato per spostarla dalla strada, mostrandoci la sua potente dentatura.

 

Marocco-9-arietans 7061 copia

 

Marocco-9-arietans 7064 copia

 

Oltre ai serpenti abbiamo avuto l’occasione di ammirare parecchie lucertole, tartarughe, anfibi, ragni, scorpioni e altro, che ora vi metto in modo un po’ caotico.

 

La parte dei giganti l'hanno avuta sicuramente gli scorpioni...ecco alcuni di quelli che ho potuto vedere. Le classificazioni sono un vero incubo per me! Questi potrebbero essere dei Buthus.

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0586 copia

 

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0048 copia

 

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0592 copia

 

2


Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 6599 copia


Il prossimo, ha appena fatto la muta, sfruttando l'umidità accumulta sotto ad un sasso.

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0587 copia


 

Il prossimo dovrebbe essere Androctonus mauretanicus 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0334 copia


 

Questi magari Hottentota franzwerneri 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0642 copia

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0884 copia

 


 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7953 copia

Quest'ultimo (Scorpio mogadorensis ??) deve essere uno dei meno velenosi vista la mole delle sue chele massiccie e dal fatto che é stato l'unico a proteggere la testa invece che colpire col pungiglione in caso di molestia.

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7932 copia


 

Questo piccolo essere agghiacciante per aspetto é un Solifugae.

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7464 copia


 

Alcuni insetti:

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0099 copia


Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0158 copia

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0640 copia

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7429 copia

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7917 copia

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7963 copia

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0365 copia

Acrida


 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0672 copia

Scarabeo sacro per gli Egizi (Scarabaeus sacer).

 


 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0578 copia

Questo non é un insetto!


 

 

E poi qualche ragno che proverò a classificare appena ne avrò tempo!

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0788 copia

Hogna maroccana


 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7847 copia

Eusparassus dufouri

 

 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7462 copia


Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 7908 copia

Ischnocolus sp.

 


 

Marocco-2-insetti--scorpioni-ecc 0032 copia

Argiope


 

Gli anfibi:

 

Marocco-1 7954 copia

Bufotes boulengeri (?)

 

Marocco-1 0170 copia

Hyla meridionalis

 

Marocco-1 6943 copia

 

 

 

Alcune rane.

 

Marocco-1 0166 copia

 

Marocco-1 0360 copia


 

 

 

I sauri avvistati:

 

Marocco-10-lucertole 0106 copia

 

Marocco-10-lucertole 7030 copia

 

Marocco-10-lucertole 0345 copia

Tarentola

 


 

Marocco-10-lucertole 0119 copia

 

Marocco-10-lucertole 0939 copia

 

Eumeces algerinensis

 

Marocco-10-lucertole 6555 copia

 

 

 

Marocco-10-lucertole 6807 copia

Chalcides


 

Marocco-10-lucertole 7782 copia


 

Marocco-10-lucertole 7487 copia

 

Marocco-10-lucertole 0636 copia


 

 

Stenodactylus mauritanicus (?)

 

Marocco-10-lucertole 7762 copia


 

 

Agama impalearis

 

Marocco-10-lucertole-0503-copia

 

Marocco-10-lucertole 7524 copia

 

Marocco-10-lucertole 7504 copia

 

Marocco-10-lucertole 7401 copia

 

Marocco-10-lucertole 7358 copia

 

 

 

Stenodactylus mauritanicus

 

Marocco-10-lucertole 7207 copia

 


 

 

Saurodactylus

 

Marocco-10-lucertole 7874 copia

 

Marocco-10-lucertole 7868 copia

 

Marocco-10-lucertole 7884 copia

 


 

Alcuni esemplare di Tarentola chazaliae, dal mimetismo spettacolare!

 

Marocco-10-lucertole 7645 copia

 

Marocco-10-lucertole 0564 copia

 

Marocco-10-lucertole 7695 copia

 

Marocco-10-lucertole 7706 copia


 

Splendidi Uromastyx

 

Marocco-10-lucertole 7852 copia

Esemplare govane

 

Marocco-10-lucertole 7825 copia

Magnifico adulto

 

Marocco-10-lucertole 7843 copia

 

 

 

Un paio di simpatici Chamaeleo chamaeleon:

 

Marocco-10-lucertole 7160 copia

 

Marocco-10-lucertole 7164 copia

 

Marocco-10-lucertole 0380 copia

 

Marocco-10-lucertole 7176 copia

 

Marocco-10-lucertole 7150 copia

 


 

Vari fiori:

 

Marocco-1 0144 copia

 

Marocco-1 0393 copia

 

Marocco-1 0175 copia

 

Marocco-1 7920 copia

 

Marocco-1 0394 copia

 

Marocco-1-0599-copia

 

Marocco-1 7922 copia

 

Marocco-1-7913-copia

 

Marocco-1-7912-copia


 

Marocco-1 7900 copia

 

Marocco-1-7915-copia

 

Marocco-1 7907 copia

 

 

 

 

Testudo graeca

 

marocco-12-tartarughe 0037 copia

 

1

 

marocco-12-tartarughe 0871 copia

 

 

Mauremys leprosa

 

marocco-12-tartarughe 0390 copia

marocco-12-tartarughe 7115


 

Dopo varie ore passate a percorrere strade desertiche, aver visto miraggi materializzati da un lago di sale, ho potuto vedere questo mitico animale...ero rassicurato di vederlo anche in foto al mio rientro...segno che non avevo il cervello totalmente sfasato!

marocco-13-paesaggi 7806 copia 2

 

 


 

La volpe!

Forse con la risoluzione del blog non si vede.

 

marocco-14-mix 7893 copia


 

 

Un nido d'uccello...che faceva sperare di poter incontrare un Dasypeltis, serpente mangiator di uova!

 

marocco-14-mix-0352-copia

 


 

marocco-14-mix 0303 copia

 

Ringrazio i miei compagni di viaggio, Konrad Mebert, Marco Sassoe e Johan De Smedt, con cui ho passato veramente dei bei momenti e con cui ho fatto un sacco di risate!

 


marocco-14-mix 0807 copia

 


 

Ora metto una carellata di paesaggi e foto sparse.

marocco-13-paesaggi 0031 copia

 

marocco-13-paesaggi 0148 copia

 

marocco-13-paesaggi 0151 copia

 

marocco-13-paesaggi 0187 copia

 

marocco-13-paesaggi 0194 copia

 

marocco-13-paesaggi-0249-copia

 

marocco-13-paesaggi 0231 copia

 

marocco-13-paesaggi 0325 copia

 

marocco-13-paesaggi-0511-copia

 

marocco-13-paesaggi 0556 copia

 

marocco-13-paesaggi 0738 copia

 

marocco-13-paesaggi-0573-copia

 

marocco-13-paesaggi 0768 copia

 

marocco-13-paesaggi 0782 copia

 

marocco-13-paesaggi 0773 copia

 

marocco-13-paesaggi-0685-copia

 

marocco-13-paesaggi 0664


 

Il duro lavoro di identificazione degli animali e smistamento delle foto mi ha mandato in confusione, per cui troverete alcuni errori... abbiate pazienza, appena avrò raccolto informazioni, ricevuto correzioni e suggerimenti, modificherò le determinazioni dei vari animali fotografati. Intanto vi posso consigliare di buttare un occhio al seguente sito: http://www.moroccoherps.com/

 

Grazie per la pazienza e spero che avete apprezzato questa valanga di immagini... e che non vi siate annoiati a morte come questo povero asinello!

 

marocco-13-paesaggi 0509 copia

 

 

Copyright © Grégoire Meier 2014. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.  


Di Grégoire Meier
Scrivi un commento - Vedi 0 commenti
Monday 17 march 2014 1 17 /03 /Mar /2014 16:20

Tra le osservazioni che preferisco, ci sono queste, le osservazioni primaverili.

Appena il tempo migliora e le giornate si scaldano, perlustro qualche habitat che mi pare ideale… spesso sono passeggiate prive di incontri coi serpenti, ma è gradevole osservare la natura riavviarsi, vedere una farfalla, un fiore, una gemma, una lucertola, sentire gli uccellini cantare e le ghiandaie schiamazzare!

 

primavera-2014 0040 copia

Polygonia c-album

 

 

L’occhio deve riabituarsi a scorgere il serpente mimetizzato nel suo ambiente, magari pure sporco della terra presente nel suo nascondiglio invernale.

Le prime volte le felci secche, i rametti che proiettano la loro ombra tra le foglie e altri piccoli dettagli mi fanno sussultare il cuore credendo di vedere una vipera…poi aguzzo lo sguardo e mi arrendo all’evidenza…oggi niente serpenti!

Le giornate spese così sono diverse, finché un giorno ecco che l’occhio cade su di una sagoma “anomala”, presenza invisibile ma fuori posto in mezzo alla vegetazione secca. La prima vipera dell’anno è emozionante, per certi versi è rassicurante. Mi rendo conto che il ciclo riprende, come è sempre ripreso, e soprattutto, la cosa che rassicura maggiormente dopo varie giornate passate a cercare vipere, senza successo, è che mi dico: -ok, sei ancora capace di scorgere questi serpenti!

 

primavera-2014 5968 copia 2

 

 

Il bello di questi primi incontri è anche il fatto che se ci si avvicina con cautela alle vipere, esse non scappano, ancora un po’ intorpidite, per non dire rimbambite, dal lungo periodo passato al freddo. Più di una volta mi son seduto a fumare una sigaretta a pochi centimetri da una vipera placidamente incollata al suolo per immagazzinare il massimo del calore che viene a crearsi nel microclima che la bestiola ha scelto.

 

primavera-2014 0024 copia

Maschio di Vipera aspis francisciredi

 


Solitamente i maschi sono i primi a volersi scaldare. La natura li ha fatti probabilmente più “svegli” delle femmine…in modo che quando queste ultime decidono di uscire allo scoperto, i maschi sono già caldi e pronti per gli accoppiamenti, mentre le femmine intorpidite, sono meno propense a fuggire per evitare i continui corteggiamenti maschili.

 

primavera-2014 6170 copia

Maschio, in basso a sinistra, che corteggia una femmina la cui testa é visibile in alto a destra.

 

 

 

Non siate sorpresi se anche in rete trovate diverse fotografie di serpenti, soprattutto vipere, in periodi dell’anno ancora freschi, tipo febbraio. Alcune zone offrono dei microclima particolari, in cui le temperature sono nettamente più alte che nel resto del territorio. Può darsi benissimo che in un determinato ambiente girino serpenti mentre a poche centinaia di metri sia quasi ancora inverno inoltrato. Le quote influenzano notevolmente anche questa cosa.

 

primavera-2014 0051 copia

 

 


Personalmente le osservazioni primaverili le faccio sempre nel medesimo “spot” che ormai frequento da diversi anni. Esploro anche altri ambienti, ma decisamente fin che le vipere non sono attive in quel che ormai considero lo spot primaverile, ho poche speranze di vederne altrove. Questo ben inteso parlando di Vipera aspis francisciredi; potrebbe darsi che la sottospecie Vipera aspis atra sia meno sensibile alle temperature fresche e allo sbalzo termico giorno/notte che c’è all’inizio della primavera. Sono cose che spero di riuscire a verificare nei prossimi anni…tempo permettendo!

 

Vi lascio coi pochi scatti che ho da proporvi.

 

primavera-2014 0011 copia

Il primo esemplare visto, un maschio di Vipera aspis francisciredi il 6 marzo.

 

primavera-2014 0001 copia

 

Qualche tipico fiore primaverile.

 

primavera-2014 0017 copia


 

primavera-2014 6002 copia

Rana temporaria mimetizzata sul fondo di una piccola pozza.

 

primavera-2014 6056 copia

Purtroppo alcune rane scelgono posti sbagliati per deporre le uova.


 

primavera-2014 5903 copia

In questa foto sembrerebbe che la vipera sia sola,ma nella seguente, osservando attentamente vedrete che é un maschio assieme ad una femmina.

primavera-2014 5954 copia


 

primavera-2014 0073 copia

Polygonia c-album, una delle mie farfalle preferite!


primavera-2014 5889 copia


 

primavera-2014 5870 copia

Questa non é una Polygonia c-album... si sarà strappata le ali per assomigliarci?


 

primavera-2014 6111 copia

La neve non si é ancora sciolta che le rane sono prese dalla frenesia riproduttiva.

 

primavera-2014 6075 copia

Una femmina di Rana temporaria alle prese con diversi maschi frenetici. Purtroppo la foga dei maschi porta spesso alla morte, per annegamento, della povera femmina.

La foto immobile non da giustizia alla frenesia dell'istante.

primavera-2014 6079 copia



 

primavera-2014 6021 copia

Lacerta bilineata

 



 

primavera-2014 5945 copia

Vipera femmina.

 

primavera-2014 5921 copia

La medesima vipera della foto precedente con una lucertola a pocha distanza.

 

 

primavera-2014 6123 copia

Veramente difficile da vedere, ma in questa foto vi sono tre vipere, due relativamente visibili, una molto meno da questa prospettiva.

 

 

primavera-2014 6152 copia

Maschio di Vipera aspis francisciredi, probabilmente vecchio di un paio d'anni.

primavera-2014 0026 copia


 

 

primavera-2014 5996 copia

A volte si intravvede poco... e termino riproponendo quest'immagine, vista sopra, di una vipera che sembra affacciasi dalla finestra.

 

primavera-2014 0055 copia


 

Copyright © Grégoire Meier 2014. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto. 


 


 

 

 

 


Di Grégoire Meier
Scrivi un commento - Vedi 2 commenti

Presentazione

Contattarmi

Se volete contattarmi, per informazioni o per identificare un serpente che avete osservato, mandatemi pure una mail al seguente indirizzo: 

info@serpenti-del-ticino.com

oppure chiamate o mandate una foto al:

077 425 68 37

Cerca

Immagini a caso

  • dsc_0110.jpg
  • 3500621466_b57f29c815_b.jpg
  • dsc_0112.jpg
  • escu
  • Raganella 8864 copia
  • salamandra 2255 copia
Crea un blog gratis su over-blog.com - Contatti - C.G.U. - Remunerazione in diritti d'autore - Segnala abusi - Articoli più commentati