Segui questo blog
Administration Create my blog
23 luglio 2015 4 23 /07 /luglio /2015 08:58

Una vipera che mi ha sempre affascinato è la Vipera dell’Orsini (Vipera ursinii). Piccola (una cinquantina di centimetri in media), specializzata della predazione di cavallette, distribuzione limitata e frammentaria, sono alcune delle sue caratteristiche.

Dopo aver visto diverse specie di vipere delle zone limitrofe al Ticino, non avevo ancora avuto l’onore di potermi immergere nei cespugli di ginepro che tappezzano gli habitat della Vipera ursinii.

Le temperature piuttosto calde dei giorni in cui mi sono recato con degli amici alla loro ricerca, in Abruzzo, non era delle migliori. Lunghe giornate di ricerche, quasi disperate, ci hanno comunque regalato un incontro con questo serpentello.

Visto la scarsità delle osservazioni fatte, lo stimolo per tornare a vederle è grande, come sarebbe interessante fare una puntatina ad osservare le popolazioni francesi di questa specie, totalmente separate da quelle italiane.

 

Ho fatto poche foto in quanto le temperature erano elevate e non era il caso di trattenere troppo a lungo la vipera, che avrebbe patito il caldo.

Vi lascio alcuni scatti, che non rendono comunque giustizia al carattere, alla bellezza e alla delicatezza della Vipera dell’Orsini.

Vipera ursinii

In habitat come questi abbiamo pure avuto l'occasione di osservare di sfuggita una Vipera aspis francisciredi.

Vipera ursinii

Una flora interessante, in cui le orchidee erano tutt'altro che rare.

Vipera ursinii
Vipera ursinii

Un gran numero di pecore sono portate al pascolo nelle zone in cui la Vipera di Orsini vive, ciò provoca sicuramente molti danni agli habitat idonee sia al rettile che alle sue prede.

La presenza del lupo, che abbiamo avuto la fortuna di vedere per qualche istante, é sicuramente tenuta sotto controllo dai pastori e dai potenti cani che proteggono le greggi.

Ora vi lascio con qualche immagine della Vipera ursinii, una femmina lunga poco più di 30 cm.

Vipera ursinii
Vipera ursinii
Vipera ursinii
Vipera ursinii
Vipera ursinii
Vipera ursinii

Copyright © Grégoire Meier 2015. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Condividi post

Published by Grégoire Meier
scrivi un commento
17 giugno 2015 3 17 /06 /giugno /2015 07:43

La bella stagione un po' instabile mi ha permesso di fare alcuni giretti e di osservare vari serpenti.

Oltre che a qualche osservazione fatta in Ticino e in zone italiane non molto lontane, ho fatto una scappata in Friuli per ossevare Vipera ammodytes, che non lascia mai indifferenti.

Habitat, carattere e ricerca di questo serpente sono sempre interessanti da vivere.

 

Il sistema di gestione del blog é un po' cambiato...e mi ci devo abituare... portate un po' di pazienza per il caos...

 

Inizio questo giretto virtuale con alcune osservazioni ticinesi, le prossime sono tutte delle femmine di Vipera aspis atra:

Girovagando...
Girovagando...
Girovagando...
Girovagando...

Questo splendido esemplare, é particolarmente marcato e contrastato per essere una femmina

Girovagando...

Il prossimo esemplare in muta, é un maschio della medesima zona, che presenta una livrea melanica:

Girovagando...

Il vicino Piemonte ospita anche lui delle Vipera aspis atra di cui vi mostro alcuni individui osservati:

Girovagando...

Il precedente é un maschio, mentre le prossime due sono femmina

Girovagando...
Girovagando...

La vipera condivide spesso il proprio habitat con Coronella austriaca, serpente meno facile da vedere, ma non per questo meno presente. Qui sotto un maschio:

Girovagando...

La zona del Grigioni italiano é comunicante col territorio ticinese, per cui certe volte é interessante andarci ad osservare cosa vi gira.

Ad alte quote ho potuto incontrare alcuni esemplari di Vipera aspis atra, il primo é un maschio:

Girovagando...

La seguente é una femmina:

Girovagando...

Il ritratto della prossima potrebbe farci credere ad un esemplare molto grande...

Girovagando...

… da qui si vede che in realtà...

Girovagando...

Queste vipere condividono l'habitat con Zootoca vivipara:

Girovagando...
Girovagando...

e tutti quanti devono tenere d'occhio eventuali predatori alati:

Girovagando...

Scendendo di quota, si ritrovano le popolazioni delle più comuni Podarcis muralis

Girovagando...

e di una splendida e particolare femmina di Vipera aspis atra:

Girovagando...
Girovagando...

Tra un serpente e l'altro si trova sempre anche il tempo di soffermarsi su altri interessanti incontri:

Girovagando...
Girovagando...

Le piante carnivore, come queste Drosera mi hanno sempre affascinato:

Girovagando...
Girovagando...
Girovagando...
Girovagando...

Ramarri (Lacerta bilineata)

Girovagando...
Girovagando...

Orbettino

Concludo con le immagini scattate in Friuli, dove oltre a Vipera ammodytes, ho potuto osservare anche Vipera berus, ma inizio con due esemplari maschio di Zamenis longissimus, sempre un incontro piacevole:

Girovagando...
Girovagando...

La variabilità di livrea in Vipera berus si può ben vedere nelle prossime immagini dei diversi individui osservati:

Girovagando...
Girovagando...
Girovagando...
Girovagando...
Girovagando...

Alcune belle femmine di Vipera ammodytes

Girovagando...
Girovagando...
Girovagando...
Girovagando...
Girovagando...

Copyright © Grégoire Meier 2015. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Condividi post

Published by Grégoire Meier
scrivi un commento
13 maggio 2015 3 13 /05 /maggio /2015 14:45

Qualche giorno fa una persona mi ha contattato per chiedermi di rimuovere una vipera che stazionava da qualche giorno sul fiore di una palma, nei pressi di una strada.

Giustamente, la persona che si è rivolta a me, temeva che qualche passante avrebbe eliminato malamente il serpente, per cui ha pensato bene di chiedermi di spostare l’animale, mettendolo in un posto sicuro e lontano dal passaggio di persone.

 

Chiaro, sono rimasto un po’ perplesso quando mi ha spiegato che la vipere era sul fiore di una palma… ma ho anche capito che la persona aveva una certa conoscenze dei serpenti, per cui non confondeva, per esempio, un Colubro di Esculapio con una vipera.

Perplessità anche sul fatto che la vipera soggiornava giorno e notte su quel fiore da diversi giorni.

 

Da appassionato di serpenti, resto difficilmente sorpreso da comportamenti “anomali” da parte di questi animali… quando pensi di aver capito qualche cosa, immancabilmente osservi un atteggiamento che rimette in discussione le certezze acquisite.

 

Arrivo sul posto e effettivamente una Vipera aspis sonnecchia sul fiore di una palma. Ok, l’albero è cresciuto nel dirupo che costeggia la strada, e il fiore si situa a circa un metro e mezzo dal livello della strada. In più probabilmente la vipera ha sfruttato le ringhiera, passando dalla strada alla pianta sfruttando la vegetazione che collega strada-corrimano-albero.

 

Per un po’ mi lascio meravigliare da questa cartolina che mi porta a tipiche osservazioni possibili ai tropici, dove vipere arboricole si mimetizzano negli alberi.

 

 

Il triste epilogo di questa storia… probabilmente la vipera è stata investita da un veicolo, che gli ha schiacciato la testa in modo rapido, per cui non l’ha spiaccicata. La testa del serpente si presenta gonfia con gli occhi pieni di sangue. Malgrado il suo stato, la vipere si presenta vivace e tonica, anche se si capisce che è accecata.

Difficile capire se le lesioni riportate alla testa hanno causato danni irreversibili, difficile capire se la vipera riuscirà a sopravvivere.

 

Ora il serpente è temporaneamente da me, al sicuro dai predatori (uomo incluso), sperando che riesca a riprendersi, anche se le speranze sono poche.

 

 

 

La strana storia della vipera sulla palma.
La strana storia della vipera sulla palma.

Il triste epilogo di questa storia…

Probabilmente la vipera è stata investita da un veicolo, che gli ha schiacciato la testa in modo rapido, per cui non l’ha spiaccicata. La testa del serpente si presenta gonfia con gli occhi pieni di sangue. Malgrado il suo stato, la vipere si presenta vivace e tonica, anche se si capisce che è accecata.

Difficile capire se le lesioni riportate alla testa hanno causato danni irreversibili, difficile capire se la vipera riuscirà a sopravvivere.

Ora il serpente è temporaneamente da me, al sicuro dai predatori (uomo incluso), sperando che riesca a riprendersi, anche se le speranze sono poche.

 

Ringrazio la persona che mi ha contattato, mostrando una grande sensibilità nei confronti di questi animali ancora troppo spesso eliminati senza ragione.

La strana storia della vipera sulla palma.
La strana storia della vipera sulla palma.

Copyright © Grégoire Meier 2015. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Condividi post

Published by Grégoire Meier
scrivi un commento
26 aprile 2015 7 26 /04 /aprile /2015 16:04

Basta poco alla natura! Qualche raggio di sole, qualche minuto di luce in più e molti animali che erano "scomparsi" per diversi mesi, riemergono e si rimettono in attività!

Anche la vegetazione rifiorisce e rimette colore alle nostre valli.

 

Qui di seguito condivido con voi alcune osservazioni che ho potuto fare nelle settimane scorse, iniziando la cosa con l'immagine di un ramarro (Lacerta bilineata), che si gode i tiepidi raggi di sole. Appena la vegetazione divenerà rigogliaosa sarà un po' più difficile individuare questi splendidi lucertoloni verdi.

La ripresa
La ripresa

Poco lontano dal ramarro anche le vipere si termoregolano.

La ripresa

Splendido maschio di Vipera aspis atra.

La ripresa

Una delle prime femmine di Vipera aspis atra osservata quest'anno. Solitamente, le femmine, restano nel rifugio invernale più a lungo dei maschi.

La ripresa
La ripresa

In una tipica giornata piovosa primaverile osservo una Salamandra salamandra che cerca una zona idonea dove mettere al mondo le sue larve.

Lucertola muraiola (Podarcis muralis)

Lucertola muraiola (Podarcis muralis)

Lucertola muraiola (Podarcis muralis) che si scalda in mezzo alle foglie.

La ripresa

Grosso maschio di biacco (Hierophis viridiflavus).

La ripresa

Una femmina di Philaeus chrysops, simpatico ragno salterino sembra voler condividere la sua preda con me.

 

La ripresa
La ripresa

I due maschi di ramarro (foto sopra e foto sotto) erano a pochi centimetri di distanza l'uno dall'altro…ma malgrado la loro livrea sgargiante, me ne sono accorto solo quando uno dei due é scappato, per cui non ho potuto fotografarli assieme.

La ripresa
La ripresa

Splendido Biacco (Hierophis viridiflavus). Da esemplari del genere si capisce il loro secondo nome comune, Colubro verde e giallo... se lo vedete strisciare via, capite il perché.

La ripresa

Esemplare giovane di Ramarro (Lacerta bilineata) che mi ha permesso di fargli un bel primo piano.

La ripresa
La ripresa

Vipera aspis atra

La ripresa
La ripresa

Malgrado la neve sia ancora visibile poco lontano, questo magnifico maschio di Vipera berus ha già fatto la prima muta dell'anno, quella che precede gli accoppiamenti.

La ripresa
La ripresa

È sempre affascinante perdersi nell'occhio del marasso.

La ripresa

L'accoppiamento delle lucertole può sembrare violento. I maschi afferrano le femmine con le mandibole per riuscire a far combaciare le cloache e accoppiarsi.

La ripresa

Subito dopo l'accoppiamento! Malgrado tutto, sembrerebbe il maschio (a destra) ad essere più provato che non la femmina.

Nella medesima pietraia in cui le lucertole se la spassano, osservo diversi esemplari di Vipera aspis atra.

La ripresa

Femmina.

La ripresa

Tipico maschio con motivo contrastante.

La ripresa

Magnifica femmina dal tono scuro, ma che se osservata da vicino, offre delle sfumature particolari, visibili ad esempio sulle labiali, nella foto sotto.

La ripresa
La ripresa

Un paio di immagini di vipere nel loro habitat.

La ripresa
La ripresa
La ripresa

Grosso esemplare di Hierophis viridiflavus.

 

 

 

 

 

La ripresa

Maschio di lucertola vivipara (Zootoca vivipara)

 

 

Concludo questo primo giretto primaverile con l'immagine di una femmina di Vipera aspis atra che esibisce una livrea dai toni pacati, perfettamente idonea per vivere in mezzo agli aghi di larice che tappezzano il suo habitat.

La ripresa

Copyright © Grégoire Meier 2015. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Condividi post

Published by Grégoire Meier
scrivi un commento
1 aprile 2015 3 01 /04 /aprile /2015 11:44
Risveglio 2015!

Come sempre, i primi caldi risvegliano la natura che si era assopita col freddo!

Malgrado qualche scampagnata a certe quote, i primissimi incontri coi rettili sono stati fatti in pianura.

Oltre a qualche lucertola, che non é raro incontrare anche in giornate invernali che presentano qualche raggio di sole, il primo rettile che ho potuto osservare é stato un Biacco (Hierophis viridiflavus), il 12 febbraio 2015.

Risveglio 2015!

Agli inizi di marzo, in una tiepidina giornata ho potuto incontrare la prima vipera della stagione. Un bel maschio di Vipera aspis francisciredi.

Risveglio 2015!

Sono seguiti alcune osservazioni di classiche lucertole muraiole (Podarcis muralis) e di qualche ramarro (Lacerta bilineata).

Risveglio 2015!
Risveglio 2015!
Risveglio 2015!
Risveglio 2015!

Di seguito un maschio Vipera aspis francisciredi che prendeva il suo primo bagno di sole in mezzo ad un mucchio di rami.

Risveglio 2015!

Insetti, tra cui questa splendida farfalla Vanessa (Inachis io), si rimettono all'opera

Risveglio 2015!

Le pioggerelle primaverili riattivano pure gli anfibi, qui di seguito una Salamandra pezzata:

Risveglio 2015!

Nelle ultime giornate ho poi potuto osservare diversi esemplari di Vipera aspis francisciredi, sia nelle zone di pianura che ad una quota di 1000 metri.

 

La maggior parte degli esemplari era di sesso maschile, i primi ad uscire dai rifugi invernali, e alcuni esemplari giovani, tra cui alcune possibili femmine.

Risveglio 2015!
Risveglio 2015!
Risveglio 2015!
Risveglio 2015!

Nella foto seguente si può osservare un maschio Vipera aspis francisciredi arrotolato sopra a una femmina:

Risveglio 2015!
Risveglio 2015!
Risveglio 2015!

Concludo questo primo rapido articoletto con una foto che mi piace parecchio, in quanto mostra il mimetismo criptico eccezionale della vipera:

Risveglio 2015!

Copyright © Grégoire Meier 2015. Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Condividi post

Published by Grégoire Meier
scrivi un commento

Presentazione

  • : Serpenti del Ticino
  • Serpenti del Ticino
  • : Punto di incontro per gli amanti dei serpenti o solo per chi è curioso di conoscerli.
  • Contatti

Contattarmi

Se volete contattarmi, per informazioni o per identificare un serpente che avete osservato, mandatemi pure una mail al seguente indirizzo: 

info@serpenti-del-ticino.com

oppure chiamate o mandate una foto al:

077 425 68 37

Cerca