Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
29 aprile 2019 1 29 /04 /aprile /2019 12:16

La primavera prosegue con temperature fresche che si alternano a quelle più miti. I rettili sfruttano ogni occasione per scaldarsi e poter finalmente essere carichi ed efficaci.

Il difficle inquesto periodo risiede più che altro ad avere la fortuna che il tempo libero  combaci col tempo ideale per osservare i rettili...

La stagione avanza.

Sopra un giovane maschio di natrice tassellata (Natrix tessellata). Come tutti i serpenti anche in questa specie si possono osservare individui melanici o melanotici, cioè con una pigmentazione particolarmete scura e nera.

 

 

Nella foto in basso un maschio di Vipera aspis francisciredi si scalda mimetizzato nelle foglie secche.

 

La stagione avanza.

 

 

 

Nelle due immagini seguenti si possono vedere altrettanti ramarri (Lacerta bilineata) che sfruttano il calore che filtra tra le nuvole in una giornata poco soleggiata.

La stagione avanza.
La stagione avanza.

 

 

 

Questa primavera ho dedicato un paio di uscite alle natrici dal collare (Natrix helvetica), qui di seguito alcuni degli animali osservati.

La stagione avanza.

Come per la natrice tassellata, anche in questa specie non é raro osservare individui melanotici o melanici. Nelle foto sopra e sotto, un maschio.

La stagione avanza.
La stagione avanza.

Sopra una giovane natrice dal collare, mentre nelle immagini seguenti delle femmine adulte.

 

La stagione avanza.
La stagione avanza.
La stagione avanza.

 

 

 

Il tepore permette anche agli insetti di iniziare la loro stagione...

La stagione avanza.

...sopra una locusta (Anacridium aegyptium), ormai acclimatata in varie zone del Ticino. Ma vale sempre la pena segnalarne l'osservazione al Museo cantonale di storia naturale di Lugano.

Sotto un bombo (Bombus terrestris):

La stagione avanza.
La stagione avanza.

... sopra armonia apparente sui fiori mentre sotto, in modo un po' più reale, una vespa caduta in acqua serve a rimpinzare un gruppo di gerridi:

La stagione avanza.
La stagione avanza.

 

 

 

Nelle due foto seguenti una femmina di Vipera aspis atra:

La stagione avanza.
La stagione avanza.

 

 

 

La pioggia primavarile ha attivato anche vari anfibi, tra cui le salamandre pezzate (Salamandra salamandra).

Come molta altra piccola fauna, pure loro sono spesso vittime del traffico stradale. Non é sempre facile vedere lucertole, serpenti, rane, ecc. ma per lo meno nelle stradine di montagna si può circolare in modo rilassato e prestare un po' di attenzione.

La stagione avanza.
La stagione avanza.

Le vasche usate come abbeveratoi per il bestiame, se ben strutturate come quella sopra, con legni e rampe di uscita possono essere sfruttate da vari animali per bere o, come per la salamandra, per metterci al mondo le larve. Altre, senza strutture per uscirne sono trappole mortali in cui molte bestiole agonizzano prima di morire miseramente.

Il ramarro sotto ha avuto la fortuna che io passassi da li quel giorno:

La stagione avanza.
La stagione avanza.

Prima di liberare il bel maschio di ramarro trovato nella vasca, gli ho tolto un po' di zecche... per ringraziarmi lui mi ha concesso il seguente scatto...

La stagione avanza.

... poi mi ha mostrato le possenti mascelle ed é scappato!

La stagione avanza.

 

 

 

Nella seguente foto un'altro maschio di ramarro, lui osservato mentre si scaldava al sole:

La stagione avanza.

 

 

 

Tra i ragni più simpatici, sicuramente troviamo i salticidi, piccoli ragni intelligenti e curiosi:

La stagione avanza.
La stagione avanza.

Mentre volevo fotografare dall'alto questo sotto, lui ha alzato gli occhi per vedere cosa combinavo!!!

La stagione avanza.

 

 

 

Le specie alloctone sono un problema largamente dibattuto ultimamente. Bisogna effettivamente essere coscienti che introdurre nuove specie nell'ambiente crea squilibrii. Nella foto seguente una testuggine palustre americana morta… purtroppo poco lontano, diversi altri individui si crogiolavano beatamente al sole, segno che hanno passato l’inverno senza problemi.

La stagione avanza.
La stagione avanza.

I biacchi (Hierophis viridiflavus) sono in grado di adattarsi a vari habitat, dalle rive di un lago poco lontano dall'abitato come sopra, a zone più selvatiche invase dai rovi come sotto:

La stagione avanza.

Questo sotto vive sui bordi di una strada sterrata:

La stagione avanza.

 

 

 

È sempre interessante osservare come i serpenti siano in grado di sfruttare ogni zona ben esposta al sole, come lo dimostra il maschio di marasso (Vipera berus) nella foto sotto. La neve si é sciolta da poco e lui si scalda nella zona libera a pochi metri da quel che resta delle abbondanti nevicate invernali.

La stagione avanza.

Osservando da più vicino il serpente possiamo notare il suo occhio un po' lattiginoso, segno che si prepara alla muta. Nella Vipera berus il maschio muta subito dopo il riposo invernale per poi dedicarsi agli accoppiamenti.

La stagione avanza.
La stagione avanza.

Poco lontano dal marasso precedente una piccola femmina (nella foto sopra), verosimilmente nata nell'autunno 2018, esplora il suo habitat. Nella foto sotto é messa a confronto con un accendino:

La stagione avanza.

 

 

 

Un'altra scappata in quota mi ha permesso di scorgere questa minuscola femmina di Vipera aspis atra, verosimilmente pure lei nata l'autunno scorso.

Anche qui, messa di fianco ad un accendino, uno ne capisce la stazza:

 

La stagione avanza.
La stagione avanza.

 

 

Poco lontano una coppia si crogiolava al sole. La femmina é quella sui toni del marrone, mentre il maschio é quello grigio coi bei motivi scuri che gli corrono sulla schiena.

Speriamo sia di buon auspicio per un'ottima stagione riproduttiva!

La stagione avanza.

 

 

 

 

 

Copyright © Grégoire Meier 2019. Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Condividi post
Repost0
24 marzo 2019 7 24 /03 /marzo /2019 17:24

L'inverno é stato clemente, poco freddo e poco nevoso. Come spesso accade in Ticino gli inverni sono secchi, come pure gli inizi della primavera.

Malgrado temperature relativamente clementi già a metà febbraio, a parte le lucertole, i rettili son rimasti rintanati nei loro rifugi invernali, hanno aspettato la prima pioggierellina di inizio marzo per farsi vivi.

 

 

Il primo incontro che ho avuto é stato con un bel maschio di biacco (Hierophis viridiflavus):

Prime buttate di primavera.

 

 

Poi son passato ad osservare altri serpenti, timidi e ben nascosti nella vegetazione secca che ricopre i loro siti invernali. Diventa un gioco individuarli, immobili e mimetizzati alla perfezione. Sicuramente il gioco resta frustrante anche per chi cercherà di individuare i serpenti nelle prossime immagini...ma almeno in questo caso si é sicuri che cercandolo bene ...il serpente c'é...mentre quando si perlustrano metri e metri di pietraie, rovi ecc. non si é sicuri della loro presenza.

Prime buttate di primavera.
Prime buttate di primavera.

Il sole basso e la luminosità primaverile aiutano il serpente ad ingannare l'occhio umano. Sopra un biacco più o meno disteso e ben esposto al sole, mentre sotto, cercando bene, si intravvede la testa di una natrice dal collare (Natrix helvetica).

Prime buttate di primavera.
Prime buttate di primavera.

L'immagine sopra ritrae un maschio di vipera comune (Vipera aspis francisciredi) che sbuca da un mucchio di rovi. Mentre gironzolo nei paraggi ho sentito un serpente strisciare nella folta vegetazione e mi sono avvicinato per cercare di individuarlo in mezzo all'intreccio di ramaglia. Vedendo un muovimeto sospetto, la vipera mi ha probabilmente identificato come un rivale in amore ed é venuto contro di me, per poi fermarsi e restare immobile, sperando che io fossi meno allerta di lui.

A  pochi metri di distanza un'altro grosso maschio si crogiolava agli ultimi raggi di sole della giornata come si vede nella foto sotto:

Prime buttate di primavera.

La seguente foto ritrae un bel maschio di Vipera aspis francisciredi riparato all'ombra in una calda giornata di fine marzo:

Prime buttate di primavera.

 

 

 

La vegetazione si riprende e spuntano i primi fiori...

Prime buttate di primavera.
Prime buttate di primavera.
Prime buttate di primavera.

 

 

...come pure gli insetti che si riattivano, come l'ape legnaiola (Xylocopa violacea) qui sotto...

Prime buttate di primavera.

...anche in modo piuttosto passionale come questa coppia di Pyrrhocoris apterus:

Prime buttate di primavera.

 

 

La lucertola muraiola (Podarcis muralis) sa approfittare di ogni minimo giorno clemente, anche nel periodo invernale. In primavera i maschi tornano ad occupare un territorio e conquistare una compagna. Nelle foto seguenti dei maschi dal tipico dorso reticolato e dai fianchi puntinati di azzurro:

Prime buttate di primavera.
Prime buttate di primavera.
Prime buttate di primavera.

 

 

Nelle giornate piovose le salamandre (Salamandra salamandra) possono uscire e cacciare lombrichi, limacce ed altre prede, oppure le femmine possono recarsi nelle zone dove metteranno al mondo le larve, generalmente in ruscelli, fontanili o simili:

Prime buttate di primavera.
Prime buttate di primavera.

 

 

Più la primavera avanza e più i rettili amanti del caldo si attivano, spesso i maschi sono i primi a volersi scaldare, questo per poter essere già in forma quando le femmine decideranno di attivarsi a loro volta. Il ramarro (Lacerta bilineata) ama abbastanza il caldo e in primavera resta piuttosto timido e placido, mentre una volta arrivato il gran caldo é ben più scattante e schivo. Nelle tre foto seguenti altrettanti maschi di questa bella lucertola:

Prime buttate di primavera.
Prime buttate di primavera.
Prime buttate di primavera.

 

 

Nella foto seguente un possente maschio di biacco (Hierophis viridiflavus):

Prime buttate di primavera.

 

 

Concludo con un maschio di Vipera aspis francisciredi che mi ha concesso alcuni scatti mentre si scaldava sulle pietre calde, pochi minuti prima che il sole calasse oltre la montagna e la zona finisse in ombra.

Prime buttate di primavera.
Prime buttate di primavera.
Prime buttate di primavera.

 

 

Copyright © Grégoire Meier 2019. Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Condividi post
Repost0
23 marzo 2019 6 23 /03 /marzo /2019 18:27

 

Attorno ai serpenti ruotano molte leggende e dicerie, generalmente sono racconti trasmessi oralmente attorno al fuoco dalla nonna o al bar dal "vecchio saggio" del paese. La gente fa poi proprie queste storie e le tramanda come se le avesse vissute di persona. Scavando un po' poi si scopre che la cosa é stata sentita dall'amico della suocera che l'ha sentita a sua volta dal nonno del fratello minore della zia di un suo lontano cugino....

Serpi che bevono dalle mammelle delle vacche, quelli che si mordono la coda per far una ruota e rincorrerci, quelli buttati dagli elicotteri (dagli ecologisti e col paracadute), serpi alati, serpi con corna da far invidia a un alce.

 

Non ci ho mai creduto...poi ieri guardando nei terrari in cui allevo alcune vipere vedo lui, il basilisco!

Animale nato dall'uovo di un serpente covato da un rospo!! Il suo sguardo può pietrificare chiunque e il suo alito velenoso disperde morte!

Il Basilisco!

Scherzi a parte… molte di queste leggende hanno probabilmente origine da osservazioni mal interpretate.

Grosse natrici dal collare che si recavano nei letamai delle stalle per deporre le uova e venivano prese a bastonate, lasciavano probabilmente uscire dalle loro ferite il liquido biancastro delle uova rotte nel loro corpo.

 

Serpente con corna ali e creste, facilmente erano serpenti intenti a mangiare una preda oppure come nel mio caso, un serpente che si è liberato solo parzialmente della muta!

Il Basilisco!

Nella foto sopra vipera dal corno (Vipera ammodytes), allevata nei miei terrari e originaria dal Nord-Est dell'Italia....non un basilisco!

 

 

 

Sotto un paio di testi che parlano di serpenti leggendari, da cui ho preso la prima immagine dell'articolo.

Il Basilisco!
Il Basilisco!


Copyright © Grégoire Meier 2019. Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Condividi post
Repost0
3 febbraio 2019 7 03 /02 /febbraio /2019 17:25
10 anni di "Serpenti del Ticino"!!!

Mi sono reso conto che a fine 2018 sono scattati i 10 anni della nascita di questo blog!

Blog partito un po’ per colmare il vuoto delle osservazioni invernali, partito per dare un’utilità alle foto scattate ai serpenti che osservo in natura, partito per far conoscere meglio questi affascinati serpenti… tutto questo comunque sperando che vengano rispettati maggiormente.

A parte qualche divagazione di viaggio o di argomenti, cerco di restare fedele al titolo della pagina, cioè Serpenti del Ticino, e questo semplicemente perché trovo veramente utile valorizzare questa ricchezza faunistica che abbiamo da noi. Coi serpenti, uno come me, potrebbe facilmente divagare ulteriormente di quel che faccio ogni tanto, ma preferisco darmi un freno per lasciare il sito “nostrano” e far sì che chi lo visita possa trovare le informazioni sui serpenti ticinesi.

Dalle schede iniziali con argomenti un po’ tematici sono passato soprattutto a “passeggiate virtuali” in cui cerco di mostrare una piccola parte della ricchezza che ci circonda, chiaramente con  come attore principale il serpente ticinese, ma pure divagando con altre meraviglie della natura che osservo mentre “rincoro” i serpi.

Ammetto che a volte penso di mollare il sito, magari per mancanza di ispirazione, per mancanza di tempo, per pigrizia… poi rivedo l’utilità di questo strumento che permette a chi si trova confrontato con un serpente di trovare informazioni e se necessario, di contattarmi tramite il blog per risolvere “il problema”.

Questo mi fa capire che vale la pena mantenere il sito vivo, mantenere una porta aperta per chi non sa cosa fare con un serpente ma vuole trovare una soluzione che non danneggi l’animale e che rassicuri l’umano. 

Per tentare di restare al passo coi tempi… ora il blog è pure presente con una pagina su facebook e una su instagram, altri strumenti che permettono uno scambio veloce e costruttivo.

Serpenti del Ticino mi ha permesso di incontrare e collaborare con diverse persone, chi mosso da una medesima passione, chi per pura curiosità o addirittura per timore nei confronti dell’animale trattato. Spero che tutti quanti abbiano capito l’importanza di rispettare il serpente. Magari non amarlo e ammirarlo come lo faccio io, ma per lo meno cercare di guardarlo con altri occhi, cogliere la sua bellezza, capirne l’utilità, rispettare il fatto che esista, sapere che è un bene chi ci sia.

 

Per rendere più rapida la ricerca dei serpenti ticinesi nel sito e non dovere scorrere 10 anni di post, sulla destra c’è la sezione “I Nostri Serpenti” dove son consultabili le schede di ogni singola specie. Ho riaggiornato recentemente le pagine (probabilmente ci sono cose da sistemare ancora) in modo che siano più complete.

 

 

Va beh…dopo questi bla bla bla concludo col ringraziare chi mi segue, chi mi sostiene in varie forme e modi, chi vede oltre, ma ringrazio anche chi mi critica, chi non capisce. 

Il grande grazie va soprattutto ai serpenti che mi insegnano molto, molto su di loro, molto sugli altri e soprattutto molto su me stesso.

 

Greg

 

 

 

 

Copyright © Grégoire Meier 2018. Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Condividi post
Repost0
6 novembre 2018 2 06 /11 /novembre /2018 14:38
Amici insoliti!

Recentemente chiudendo le persiane di casa, che tengo aperte tutto l’anno sapendo che sono il rifugio di pipistrelli, ho potuto osservare un’amicizia insolita. Nell’angolino in alto a sinistra un pipistrello dorme vicino ad una lucertola! Forse l’amicizia tra il rettile e il piccolo mammifero volante dura già dall’estate, dove appunto osservo vari pipistrelli e diverse lucertole spostarsi da dietro una persiana all’altra… forse son diventati amici solo in queste prime giornate piovose di novembre, riuniti li dietro per non essere spazzati dal vento violento e  dagli acquazzoni.

Che belle queste amicizie tra esseri tanto diversi, primitivi e ripugnanti per molte persone!

Scusate questa introduzione…ma ormai è di moda umanizzare gli animali e i loro comportamenti!

 

Tornando coi piedi per terra e non volendo, appunto, antropomorfizzare gli animali, la realtà è un po’ diversa.

Le calde giornate che hanno preceduto le forti e burrascose piogge di inizio novembre hanno probabilmente scombussolato alcuni animali che, invece di aver già raggiunto gli habitat dove trascorrere l'inverno, son rimasti a zonzo.

Le persiane poste su di un muro esposto a sud offrono un ottimo luogo dove nascondersi al caldo, da qui il fatto di trovarci dietro un pipistrello ed una lucertola. Onestamente avevo già visto il pipistrello due giorni prima, e mentre controllavo se ci fosse ancora, ho notato che una lucertola aveva preso come dimora provvisoria il medesimo angolo di persiana. Si sa, le lucertole sfruttano ogni minimo momento di caldo per esporsi, come lo dimostrano le svariate osservazioni di questo rettile anche in gennaio. Obbiettivamente possiamo dire che i due animaletti hanno sfruttato provvisoriamente un microhabitat favorevole, ritrovandosi li vicino, ma la parte umanizzante dell’amicizia centra poco.

In natura è ben conosciuto il fenomeno in cui prede e predatori passano l’inverno nello stesso rifugio. Ad esempio, una natrice dal collare che ama cibarsi di anfibi, può passare l’inverno con un rana che le dorme tra le spire. Il serpente avrà il metabolismo rallentato, per cui non avrà fame. Pipistrello e lucertola non son preda e predatore, per cui l’esempio è un po’ diverso, ma restano entità ben distinte che hanno poco da spartire l’una con l’altra…a parte in situazioni particolari come questa!

 

Ho riaperto la persiana per lascir loro il rifugio.... vedremo se la convivenza andrà avanti per tutto l'inverno oppure se ognuno partirà per la propria strada.

 

 

 

I protagonisti delle foto (di qualità poco elevata) sono:

 

-il pipistrello, Hypsugo savii.

 

-la lucertola, maschio di Podarci muralis. Notate la coda leggermente biforcuta!

 

 

 

 

 

Amici insoliti!
Amici insoliti!
Amici insoliti!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Copyright © Grégoire Meier 2018. Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto.

Condividi post
Repost0

Presentazione

  • : Serpenti del Ticino
  • : Punto di incontro per gli amanti dei serpenti o solo per chi è curioso di conoscerli.
  • Contatti

Contattarmi

Se volete contattarmi, per informazioni o per identificare un serpente che avete osservato, mandatemi pure una mail al seguente indirizzo: 

aspisatra@yahoo.it

oppure chiamate o mandate una foto via whatsapp al:

077 425 68 37

(+41, se scrivete da fuori Svizzera)

Cerca